Tag Archive for ‘pop’

Music For Travelers ” Pressure Down” J.Farnham

Era il mese di luglio del 1987, poco prima dei miei diciotto. Ci trovavamo a Goteborg per uno dei più grandi e importanti tornei di calcio al livello giovanile, credo si il più grande al mondo, un’esperienza incredibile e soprattutto indimenticabile. Tra i benefits che avevamo ricevuto, una card per accedere gratuitamente ad ogni sorta di svago che la città svedese potesse offrire, teatri, musei, piscine, discoteche mezzi pubblici, insomma due settimane in una sorta di parco dei divertimenti continuo. L’età e la compagnia non era quella adatta a musei e teatri, per la cultura sotto questi punti di vista ci sarebbe stato tempo in un altro periodo della nostra vita, ma ricordo invece un’enorme discoteca, affollata di gente proveniente da molte parti del mondo, una miriade di colori e un profumo di gioventù pazzesche, in quelle discoteche imperversava con un paio di pezzi John Farnham, e ricordo che questo era uno dei pezzi più gettonati, se chiudo gli occhi posso sentire ancora l’ovazione delle migliaia di persone presenti quando il DJ faceva partire questo pezzo. Bellissimi ricordi per davvero, quando tornai a casa, corsi a comprare la cassetta del cantante Australiano, nato in Inghilterra, questo mi è servito per qualche hanno per riassaporare quei ricordi, che inevitabilmente con l’andare avanti della vita hanno lasciato spazio ad altri, ma che basta qualche nota per riaccendere. L’album era Whispering Jack, il disco più venduto nella storia austaliana, anni dopo comprai anche il vinile, così giusto per non dimenticare. Buona serata e Buon Viaggio

Music For Travelers ” Eighties” Killing Joke

Spesso nelle locandine dei Killing Joke figuravano anche i Joy Division, in un epoca dove la musica post punk era un vero pozzo di San Patrizio. Il gruppo di Londra ebbe per qualche anno una causa aperta con i Nirvana, perchè il riff iniziale di eighties sarebbe stato plaggiato dal gruppo di Kurt Cobain nell’apertura di Come as you are, la storia si chiuse con la morte di Cobain. tanti altri pezzi di buon livello per la band inglese, viva il post punk. Buona notte e Buon Viaggio

Music For the Travelers ” Bring on the night “

Il secondo album della band inglese, un album con dei pezzi diventati storia della musica, come Walking on the Moon e ancor di più come Message in a Bottle, io ho scelto il ritmo accattivante di Bring on the night, con quella sorta di reggae e rock che tanto piaceva a Sting e soci. Era il 1979, ma potrebbe essere tranquillamente oggi. Resto in attesa di qualcuno che mi mandi o mi porti a quel paese. Buona notte e Buon Viaggio

Music For Travelers ” Bullet of blue sky ” U2

Una volta ero seriamente un fan dei quattro di Dublino, lo sono stato almeno sino a The Joshua tree, poi ho iniziato a fare l’amore con altra musica e mi sono un poco allontanato da loro, non troppo in realtà, anche perché alcune delle mie giornate più belle hanno avuto come colonna sonora le loro canzoni ….una di queste è indubbiamente Bullet The Blue Sky ….Sono molto affezionato a questa versione live incredibilmente rock dalle tinte “arabeggianti” Buona serata e Buon viaggio

Quando le aspettative sono troppo alte…..

In realtà le delusioni sono sempre dietro l’angolo nella vita di tutti i giorni , ma a volte capita anche in viaggio di incappare in qualche brutta esperienza o in grandi o piccole delusioni , in realtà queste che vi racconto più che delusioni , sono valutazioni espresse rispetto a ciò che mi ero immaginato o semplicemente perché quel viaggio non l’ho saputo organizzare e quindi apprezzare .

1 Mauritius : In realtà non è proprio una delusione, forse quando si viaggia in alcuni luoghi, bisogna leggere e soprattutto avere la capacità di difendere le proprie idee, io avevo votato le Seychelles, quindi partivo già con il dente avvelenato ( ma neanche per sogno). in realtà la sola delusione è stata la barriera corallina, praticamente morta, almeno quella della parte a nord ovest dell’isola dove eravamo alloggiati, il nostro Hotel (non faccio il nome perché nel frattempo ha cambiato gestione), molto bello e con una bella spiaggia, praticamente attaccato al ClubMed, ma dire che le Mauritius sono una delusione è una parola grassa oltre che grossa.

 Oahu (Hawaii Islands) : Qui la delusione è dovuta alle altissime aspettative che avevo riguardo a questa meta, anche per le Hawaii vale, lo stesso discorso fatto prima, delusione è una parola enorme. l’Isola di Oahu è certamente quella più conosciuta, Honolulu e Waikiki sono, per quelli della mia generazione luoghi da sogno e lo sono, sono solo superaffollati, proprio da qui arriva la delusione, Hanauma Bay, una delle spiagge più belle dell’isola, anche alle sette del mattino era invasa da migliaia di giapponesi, non sono riuscito a fare neanche una foto subacquea, questo perché la densità di “popolazione” in acqua era agghiacciante, ma anche qui avrei potuto fare meglio molto meglio .

La Maurice Natl Park : Anche qui premetto che il parco è semplicemente splendido, la notte passata al interno di una Tipi indiana è stata una splendida avventura, la delusione è dovuta alle due escursioni che promettevano l’avvistamento di Orsi, la prima e di Alci la seconda. Gli Orsi li abbiamo visti, ma da un capanno e lontani almeno trecento metri( probabilmente avevano messo del pesce in un tronco per attirare i grossi animali) .Le Alci invece,  dopo una pagaiata di oltre tre ore con un freddo incredibile, le abbiamo viste in cartolina , ma d’altro canto con la natura non i può essere mai certi …. Però che bei posti . Buona giornata e Buon Viaggio

Music For Travelers ” No big Deal” Love and Rockets

Molti piansero quando si sciolsero i Bauhaus, anche perchè a parte qualche rara eccezione, i membri del gruppo post punk inglese non raggiunsero mai più il grande successo. I Love and Rockets hanno lavorato discretamente per qualche anno e prodotto qualche buon album. No Big Deal è il loro pezzo più famoso, non so se il più bello, ma l’influenza del post punk e della musica elettronica sono evidenti. Buona serata e Buon Viaggio

Music For Travelers ” Tower of Strength” The Mission

Quando uscì l’album Children era il 1988, era un freddo febbraio di un un anno che non avrei dimenticato assolutamente, che si sarebbe chiuso con l’inizio della leva militare. I Mission li conoscevo da qualche anno ero già molto affascinato dalle sonorità della band inglese e soprattuto dalla splendida voce di Wayne Hussey, avevo già i primi due lavori su vinili, il primo disco God’s own Medicine e soprattutto The First Chapter che metteva insieme alcuni pezzi presenti nei primi EP della Band. Ancora oggi li ascolto e questa viene direttamente dalla playlist su Spotify della mia Rebecca, che quanto a musica è già avanti rispetto a me alla sua età, molto più avanti decisamente, buona notte e Buon Viaggio

Love for Music

Ci sono quelle canzoni che quando ci prendono per un periodo vanno in loop continuamente, quelle canzoni vi faranno rivivere istanti mai dimenticati, quasi quanto una fotografia, o forse di più. Nel mio caso per esempio, potrei accostare una canzone a molte delle persone che ho conosciuto nella mia breve vita e alcuni brani, hanno la capacità di portarmi indietro a istanti precisi della mia esistenza(avete presente la pelle d’oca sulle braccia?), magari mentre sono seduto in un pub londinese o su una spiaggia caraibica o mentre passeggio per le Strade di San Francisco. Insomma la musica come compagna di viaggio è imbattibile, come sempre, come nella vita di tutti i giorni .Buona giornata e Buon Viaggio

Music For Travelers ” New Dawn Fades” J.Division

Giusto anticipare di qualche giorno, si perchè martedì è il 18 maggio e sono esattamente quarantuno anni che Ian Curtis ha deciso di andare a vivere in un’altra dimensione, lasciandoci e soprattutto togliendoci la possibilità di ascoltare altri capolavori come quelli che hanno caratterizzato la band di Manchester. New Dawn Fades chiude il lato A di quel capolavoro che è stato Unknown Pleasures e come dici Peter Hook, bassista della band , Ian ci manca tutti i giorni. Buona serata e Buon Viaggio

Music For Travelers” Reptile” The Church

Un bel sound quello degli australiani The Church, questo pezzo, Reptile è inserito nel loro lavoro migliore Starfish , del 1988, dal quale hanno estratto altri singoli di buon successo. La band ha prodotto moltissimi lavori una trentina tra live e studio, questo pezzo a me piace molto, mi riporta indietro a anni meravigliosi….Buona serata e Buon Viaggio

SaphilopeS

ne güzel blues, ne güzel karanlık

Il Fesso

Tutte le mattine si alzano un furbo e un fesso. Se si incontrano l’affare è fatto.

Trust and Believe In The Unseen

Live with More Light & Faith by CM.

AlessiaCheFaCose

so far tutto non, no so fare niente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: