Una Brutta Sorpresa Part 2

Vi devo un aggiornamento, mentre si corre arriva più sangue al cervello, quindi dopo una corsetta ristoratrice e la conseguente doccia, ho iniziato a mettere a soqquadro il Web e a cercare di capirne di più, gira che ti rigira, trovo un prezzo che si avvicina moltissimo a quelli di sempre in quell’area e quindi decido di chiamare questa grande compagnia di autonoleggio per verificare e chiedere delucidazioni. Mi risponde un certo W con accento romanesco molto marcato e mi spiega che questi prezzi sono veri, perchè pare che tutte le compagnie abbiano lo stesso problema, il parco macchine è scarso. Ma poi quando gli faccio notare che ho trovato un prezzo con ritiro dell’auto a Calgary che invece è nella norma, mi spiega che la situazione si sta via via normalizzando e che quindi mi consiglia di aspettare qualche mese ancora prima di prenotare. Ovviamente io non avevo ancora intenzione di prenotare alcunchè, ma questo me lo sono tenuto per me, non ci resta che aspettare il 2022 per vedere cosa succede, anche perchè il costo dei voli è sotto la media degli anni scorsi. Così tanto per tranquillizzarvi e tranquillizzarmi, però nel frattempo abbiamo comunque deciso. Da Calgary all’Alaska scendendo poi per i fiodi del British Columbia… Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Photo by Donovan Kelly on Pexels.com

Una Brutta sorpresa

Da qualche giorno sto lavorando al nostro prossimo viaggio, devo dire che l’entusiasmo non è ancora decollato, di solito non appena si parlava di un viaggio, l’adrenalina andava subito in circolo e iniziavo a lavorare alacremente da subito, invece, complice la situazione non ancora stabilizzata ho iniziato piano piano. Proprio stamattina ho preso il mio bel foglio bianco ed ho iniziato a mettere giù le prime tappe, poi mi sono detto, ma perchè non guardiamo prima il costo della vettura? Così ho fatto ed ho iniziato a spulciare sulla rete qualche sito di riferimento, qui la prima sorpresa, il costo del noleggio è aumentato, ma non di qualche dollaro è triplicato se non di più, per un noleggio di tre settimane, io non ho mai pagato più di 1000 euro tutto compreso, solo una volta nel 1998 all’epoca della Route 66, abbiamo pagato un po di più, ma c’era il drop off (la tassa per riconsegna in una stato diverso da quello di prelievo), il prezzo per un noleggio da Toronto con riconsegna a Vancouver (20 giorni) varia dai 2900 euro ai quasi 3800 euro a partità di tipologia di autovettura. Stessa cosa per un noleggio della stessa durata in territorio statunitense, quindi credo che stando così le cose, credo che cambieremo certamente destinazione e soprattutto potremmo dire addio ai nostri viaggi in territorio nordamericano. Una brutta sorpresa davvero. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by James Wheeler on Pexels.com

Tra i musei più visitati al mondo

Con le riaperture finalmente si può tornare a visitare i musei e a respirare area di cultura che non fa mai male, ma quali sono i musei più visitati? I primi non sono certamente delle sorprese, anzi sono delle conferme. Il Louvre a Parigi è il museo più visitato al mondo, famoso in tutto il mondo tra le sue tantissime sale, ospita migliaia di affreschi di pittori che hanno fatto la storia della pittura nei secoli e il quadro più importante del monfo la Giocanda del nostro Leonardo da Vinci. Nettamente staccato al secondo posto il Metropolitan Museum of art di New York City, il famosissimo MOMA, nel quale si possono trovare reperti delle antiche civiltà, che vanno dai Greci ai Romani, all’epoca Bizantina, quadri del calibro del “San Cristoforo ” del Ghirlandaio, l’Adorazione dei Magi di Giotto, solo per citarne qualcuno, quadri della tradizione Fiamminga, Van Gogh, Raffaello, Caravaggio e Botticelli ne fanno una delle collezioni più grandi del mondo. Al terzo posto i Musei Vaticani, tra il Perseo Trionfante del Canova,  alla Deposizione del Caravaggio, passando per le sale di Raffaello, per la Cappella Sistina e tanto altro ancora, qui si trova tutta la ricchezza storico culturale accumulata dai Pontefici nella storia romana e non solo …..Buona serata e Buon Viaggio

download-4
La Facciata esterna del Louvre
download-5
Il Moma di New York
download-6
Una delle Sale dei Musei Vaticani

Nel Regno della Beat Generation

Ho trovato spesso tracce di questa storica libreria di San Francisco, per ultimo nella biografia di Joe Strummer Redemption song, ma anche in molti altri libri che hanno raccontato la vita di molte stars del rock e non solo . Siamo non lontano da North Beach in Columbus Avenue, tra la China Town più grande del mondo e la zona italiana della splendida città californiana. Una volta era punto di ritrovo per tutti gli scrittori della Beat generation e non solo, sono passati scrittori di tutto il mondo. Fondata alla fine degli anni cinquanta del novecento dal poeta e scrittore americano, Lawrence Ferlinghetti e dal suo socio Giapponese Shigeyoshi Murao, era il ritrovo di molti degli scrittori americani legati ai movimenti giovanili. Al primo piano, tra migliaia di volumi ci si può sedere nella poet’s chair o girovagare per il Jack Kerouac alley, un piccolo vicolo appena fuori dalla libreria, vi sembrerà di stare a Diagon alley dentro la magia di Harry Potter. Tra le altre cose nello splendido “Big Sur” di Kerouac viene menzionata, insomma ormai è divenuta una vera e propria istituzione, anche se gli scrittori sono andati in un’altra dimensione, la magia, forse proprio per questo aleggia in questo luogo di cultura e attivismo. Impossibile perderla se siete da queste parti e poi un viaggio a San Francisco è come fare l’amore con il mondo ….Buona giornata e Buon Viaggio

Joint Security Area

Tra le due Coree c’è una linea netta di demarcazione chiamata Demilitarized zone, si trova 55 chilometri a nord della capitale Seoul, qui si trova anche l’unico luogo in terra nord coreana dove è possibile entrare in sicurezza, la Joint Security area, tra palazzi dell’Onu e soldati nord coreani e sud coreani. Questo sito è una delle attrazioni più visitate della Corea del Sud, con un leggero gusto sinistro si può vedere da più punti la Corea del Nord. Nel sito della Joint Security area, si può visitare la sala dove nel 1953 venne firmato l’armistizio, un luogo dove riflettere e dove si può capire quanto inutili siano le guerre se non per chi ha sete di potere, tanto da uccidere i suoi stessi fratelli. Meno male che a Seoul ci sono tante, tantissime altre belle cose, ma vi confesso che nel nostro viaggio annullato appena prima dello scoppio della pandemia, avremmo visitato questo luogo sinistro. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Photo by Taryn Elliott on Pexels.com

Kolob Canyon

Attraversando verso nord lo stato dello Utah, non dovete perdervi questa deviazione all’altezza di St George, poco dopo Pintura, la East Kolob Canyon Road, che vi porterà nel bel mezzo dello Zion National Park. Sopra, sulle vette più alte del parco sino al bellissimo viewpoint del Canyon, in mezzo a rocce di arenaria, puntellate da cedri e abeti rossi, si arriva su una terrazza naturale dalla quale si gode di un panorama incredibile, ci sono anche altre piccole deviazioni possibili, che portano a punti accessibili più a valle, tutta questa zona, poco conosciuta dai più è altamente spettacolare….Una delle ultime volte che siamo passati di qui e avevamo previsto nel nostro itinerario questa tappa, siamo rimasti delusi, perchè la deviazione per Kolob Canyon era transennata, forse a causa di una frana, un motivo valido per tornare da questa parti. Qui è speciale e poco battuto, un pò come piace a noi e ci ritorneremo certamente…Buona serata e Buon Viaggio

L’aurora

www.instagram.com/p/CVVmTEkp6tG/

Uno dei luoghi del pianeta dove è più facile vedere il fenomeno dell’aurora è certamente l’Alaska. Ma anche al di là del mare, nella vicina Russia è la stessa cosa, perché la natura è il cielo in questo caso non conoscono ne confini e ne conflitti. Qui siamo non lontano dalla cittadina di Fairbanks, famosa per la sua vicinanza ad uno dei parchi più selvaggi del nord del mondo, il Denali National Park. La foto è semplicemente un invito a viaggiare e a muoversi . Buona Domenica e Buon Viaggio

Music For Travelers ” Let’s Dance ” D.Bowie

Qualcuno qualche giorno fa, parlando del dualismo tra Peter Murphy mitica voce dei Bauhaus e David Bowie, che si giocavano la prima posizione per la voce più tenebrosa e particolare degli anni ottanta, mi ha fatto venire in mente questo che è certamente uno dei primi pezzi che ho ascoltato del duca bianco (il primo è stato Heroes, ascoltato dal film Christiana F noi ragazzi dello Zoo di Berlino) . Era l’estate del 1983, di li a poco avrei compiuto quattordici anni e avevo una cassetta con un mix di pezzi che andavano per la maggiore in quell’estate, tra i quali mi viene in mente Wrapped around your finger pezzo strepitoso dei Police, ma questa è un’altra storia come dice Lucarelli da Bologna. Dicevano Let’s dance, singolo che diede il nome anche al quindicesimo album del grande David Bowie, appena un paio di mesi dopo che se ne era anadata mamma Giò. Buona serata e Buon Viaggio

Acorn Street Boston

La città dei Boston Celtics famosissima per gli amanti della pallacanestro stelle e strisce è la capitale dello stato del Massaschussets. lo stato dei Pilgrim Fathers e delle grandi univeristà. Ma tra le tantissime cose grandi di questa città, ne troviamo una piccola che è uno spettacolo e si perchè questa piccola e stretta stradina di case vittoriane, che si trova nel quartiere di  Bacon Hill  non lontano dal Boston Common e dalle sponde del Charles river è una delle più belle vie di Boston riconosciuta come la più europea delle città americane, e questa zona con acciottolato e case di mattoni rossi non fa che confermare questa peculiarità. Sono stato a Boston tre volte nella mia vita, ma venendo via ho sempre avuto come la sensazione di non averla vissuta appieno, sarà per la prossima volta ….Buona pomeriggio e Buon Viaggio

download (10)

Evviva le Sequoie

Mentre ci apprestaiamo ad inoltrarci nel cuore della stagione autunnale, anche se le temperature sembrano smentirci (ieri qui da noi 22 gradi), vi ricordo che il Generale Sherman è stato salvato e con lui molte delle grandi sequoie del parco nazionale di Sequoia e Kings Canyon. Nello scorso mese di settembre mentre la California del nord era devastata da grossi incendi, uno in particolare si era sviluppato proprio sulla sierra, nella splendida area protetta del famoso parco nazionale a metà strada tra San Francisco e Los Angeles, uno dei parchi americani più conosciuti. I Pompieri hanno fatto come sempre un grandissimo lavoro e hanno fatto di tutto per domare questo incendio che alla fine è stato vinto. Parte del parco ha già riaperto da qualche settimana e i visitatori sono tornati a passeggiare per i vari sentieri di una delle zone più belle della California. Ogni tanto qualche buona notizia. Buon Sabato e Buon Viaggio

Photo by RODNAE Productions on Pexels.com
L'atelier peinture de Christine

La peinture sans prise de tête

Itinarranti

scrivo di viaggi

In Viaggio con Clere

Cammino il Mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: