Il giorno della memoria…perduta

La giornata volge al termine, una giornata cupa e freddina, oggi come ormai accade dal 2005 è la giornata della memoria, istituita dalle Nazione Unite con la risoluzione 60/7 del 1 Novembre 2005, la gioranta per commemorare tutte le vittime dell’olocausto. Non ne ho parlato mai, per noi lo hanno fatto le centinaia di libri scritti dai sopravvissuti e le decine di pellicole cinematografiche di artisti noti e meno noti, ne parlo oggi, perchè nel mondo la radicalizzazione di alcune brutte idee che portarono a quella tragedia, stanno nuovamente riemergendo, non solo nei confronti degli Ebrei, ma soprattutto in tutta l’Europa occidentale, verso gli immigrati che arrivano di continuo specialemnte sulle nostre coste, ma questo vale un po ovunque, negli Stati Uniti lungo il confine con il Messico e anche in altre zone del nostro mondo. Oggi e non solo oggi bisogna ricordare quanto accaduto, perchè ci sono ancora troppi uomini e donne che hanno atteggiamenti aggressivi e spesso xenofobi, nei confronti degli altri. In Germania hanno arrestato qualche settimana fa, decine di persone che erano pronte ad un colpo di stato per restaurare il reich, negli Stati Uniti dopo la sconfitta di trump, alcuni nazionalisti e primatisti ( starà per primati?) hanno assaltato Capitol Hill devastando alcune aree del congresso americano e per ultimo il Brasile, dove uomini della destra vicini all’ex presidente bolsonaro hanno attaccato e tentato di devastare il palazzo presidenziale a Brasilia dopo la sconfitta dello stesso. La memoria perduta, soprattutto per tutte le guerre che si combattono sul pianeta, non solo l’ultima in ordine cronologico, ma soprattutto quesi paesi dillaniati da guerre ultradecennali, come avviene in Iraq o nello Yemen o in Siria, oppure come l’Afghanistan e l’Iran dove regimi totalitari negano i diritti fondamentali non solo alle donne, insomma un mondo non proprio bellissimo e non un modello di pianeta che ci piacerebbe avere per il futuro dei nostri figli e delle generazioni future. Viva tutt le persoen che ogni giono nel nostro mondo fanno qualcosa per gli altri. Buon pomeiggio e Buon Viaggio

Photo by Pixabay on Pexels.com

Scatto d’annata G come Grand Canyon

La felicità è spesso dietro l’angolo, non c’è ne accorgiamo sempre e quindi tiriamo dritto sbagliando strada per anni, ma quando c’è ne accorgiamo allora eccola lì che ci aspetta da tempo è non è mai andata via. La mia quarta volta al Grand Canyon profuma di vita e di libertà, ero ad un bivio e non lo sapevo, imboccai la strada giusta ? Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Signals from the Planet ” Wyoming Forever West “

Se pensate alla grande frontiera americana, allora non potete che pensare al Wyoming, lo stato del parco nazionale di Yellowstone e del Grand Teton, qui lo yellostone river e lo snake river hanno plasmato inesorabilmente le valli, tra le montagne rocciose e le grandi pianure americane, dove una volta vivevano grandi mandrie di bisonti e soprattutto alcune delle tribù indiane. La parte più interessante dello stato è quella che si trova a nord est, al confine con un altro stato splendido: L’Idaho, qui infatti si trova Jackson Hole che è la porta dei due grandi parchi nazionali. Uno stato non molto più piccolo della nostra Italia, dove vivono poco più di 500000 persone, altro che sovraffollamento. Questo è uno dei cartelli che troverete tra le strade dello stato del nord america. Buona giornata e Buon Viaggio

IMG_0724.JPG

Scatto d’annata W come Wolfie

Un vero è proprio reperto storico, questo scatto ha quasi trent’anni era il novembre del 1993 ero felice e ne ero consapevole, mi trovavo nella splendida cornice di Hyde Park, ma non quello enorme e famosissimo londinese, ma in quello altrettanto enorme nel cuore di Sydney. Fu il mio primo approcio con l’Australia ricordi bellissimi e indelebili di una vita. La mia voglia di viaggio in tutti i sensi anzichè diminuire, con gli anni è cresciuta e continua a crescere, ‘till the end. Buona giornata e Buon Viaggio

Viaggi del futuro

Mentre immagino quello che sarà il mondo dei viaggi nel futuro, tra passeggiate nello spazio e navicelle che partiranno da e per N92, N50 e Plutus, i pianeti che verranno conquistati e abitati dal genere umano nei prossimi secoli, inizio a lavorare sul nostro prossimo viaggio, un po più tranquillo dei prossimi nello spazio, ma pu sempre un grande viaggio. Da un po sapete che avevamo, grazie all’accumulo di miglia con Lufthansa, un viaggio premio e come destinazione abbiamo scelto il nord america, finalmente abbiamo fissato le date e da qualche tempo abbiamo anche definito il nostro itinerario. Della macchina abbiamo già parlato e anche se ho già prenotato una vettura per non rischiare di rimanere a piedi, non ho ancora perso la speranza di trovare qualcosa di più economico. Aldilà di tutto questo, ho scoperto che invece in un paese come la Nuova Zelanda, il noleggio camper è economicissimo e soprattutto alla portata di tutti, queindi mentre lavoro al nostro prossimo viaggio in Canada, perchè non iniziare a programmarne uno anche nella terra dei Maori ? Tra l’altro sarebbe una bella occasione per fare un saltino anche alle Yasawa il mio sogno di mare da sempre, che ne dite ? Intanto però meglio concentrarsi sul presente i sogno spesso aiutano a volare, ma stare con i piedi per terra aiuta molto. Però tra qualche giorno vi porterò in Canada alla scoperta delle tappe del nostro prossimo on the road in Nord America. Buona serata e Buon Viaggio

Photo by Sam D on Pexels.com

At the end Strasburgo

L’ultima tappa del nostro girovagare europeo è stata la città di Strasburgo in Francia, concludendo un giro che ci ha visto attraversare ben sei paesi, Svizzera, Francia, Lussemburgo, Germania, Belgio e Olanda e ben dieci città Metz, Lussemburgo, Trier (la città romana di Treviri), Lussemburgo, Anversa, Gand, Bruxelles, Bruges, L’Aja, Waterloo e Strasburgo. La città alsaziana, si trova al confine con la Germania, meriterebbe una visita molto più approfondita, noi in realtà ci siamo limitati a visitare il Parlamento Europeo, il più bello dei tre edifici che ospitano l’europarlamento insieme a quelli di Lussemburgo e di Bruxelles e soprattutto la corte europea dei diritti dell’uomo. Qui il centro è veramente meraviglioso e la cattedrale di Notre Dame offre una vista dall’alto del suo campanile su un bel pezzo della regione sul fiume Reno, insomma non c’è che dire la vecchia Argentoratum è un luogo dove tornare assolutamente anche solo per approfondirne la conoscenza. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Photo by Duu0161an Cvetanoviu0107 on Pexels.com

Music For Travelers ” Missing ” Everything but the girls

Questa canzone per me ha un significato importante e mi riporta indietro di molti anni quando errare era una cosa normale. Oggi invece dopo quasi ventiquattro anni, fli everything but the girls si apprestano ad uscire con un nuovo album, che sono certo saprà far parlare di se. Fuse è il titolo del lavoro che dovrebbe uscire in primavera, intanto è uscito come singolo il pezzo che apre l’album dal titolo Nothing left to lose, che mi ricorda un pezzo degli U2. Buona serata e Buon Viaggio

Melbourne, Non solo grattacieli

Di tutte le città australiane Melbourne non è certo la città di mare per eccellenza, però un salto a Brighton Beach se siete da queste parti potete farlo anche solo per vedere le cabine colorate della sua spiaggia in città. Della bella città di Melbourne abbiamo parato tante volte e chissà quante altre volte lo faremo…Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Anversa un diamante vero

Ho lasciato Anversa per ultima, è stata la nostra base durante questi giorni tra le lande del nord europa, una città bellissima e soprattutto moderna, molto ben organizzata e pulita. La cosa che mi ha impressionato è vedere tutti, ma proprio tutti uscire a piedi o con la bicicletta anche con la pioggia o con il forte vento, ma siamo stati molto fortunati, abbiamo preso acqua solo dieci minuti a Bruges. Anche qui nella piazza di Grote Markt era pieno di luminarie e di mercatini di Natale, la città vecchia è molto bella e la torre della cattedrale di nostra signora, che sorge proprio dietro la piazza di Grote Markt, con i suoi 130 metri è una delle torri più alte del vecchio continente, la cattedrale è invece la più grande di tutto il Belgio. Tra i canali si trovano molti musei e tantissimi locali, abbiamo trovati alcuni negozi che vendevano vinili e altri che vendevano strumenti musicali, tra i quali il Guitar bar, un negozio che vende chitarre di livello che ha anche un piccolo spazio dove bere un buon caffè. Nelle chiese, in tutte le chiese, abbiamo trovato quadri di Rubens e di altri artisti fiamminghi, nella cattedrale di Anversa tra i tanti quadri del pittore tedesco, si trova la bellissima Assunzione di Maria un capolavoro del 1626 e le nozze di Cana di Maarten de Vos. Anversa ha il secondo porto commerciale più importante del vecchio continente dopo quello di Rotterdam con il quale vi è una strettissima collaborazione ed è conosciuta al mondo per essere la capitale dei Diamanti, infatti qui c’è un quartiere proprio vicino alla splendida Stazione Centrale ( che è un opera formidabile), dove ancora oggi è possibile trovare molti tra i più grandi artigiani della lavorazione di queste pietre preziose, tanto che il quartiere si chiama appunto Quartiere dei Diamanti.

La città ci è sembrata pulita e sicura e ci è entrata dritta nel cuore come Tromso e Trondheim giusto per stara alle ultime che avevamo visitato prima di Anversa e credo che Anversa sarà in futuro una destinazione che prenderemo assolutamente in considerazione. Buona giornata e Buon Viaggio

Intervallo ( Artic Circle Line )