Deplorable attitudes



Mentre penso a cosa scrivere non ho ancora in mente il titolo per questo articolo, ma fa niente, mi verrà in mente primo di pubblicarlo. Sfogliando una guida di New York di quelle essenziali, ho trovato dentro una multa, la terza della mia vita presa negli States. Tre multe sono molte, ma se consideriamo che sono stato in Nord America quattordici volte e ho percorso almeno centomila chilometri non è poi tantissimo. La prima multa nel lontano 1992, con uno sceriffo che si inventò eventi catastrofici avvenuti poco più avanti di dove ci aveva fermato e sostenendo che andavamo a sessanta miglia orarie mentre il nostro conta chilometri segnavo i cinquantacinque, multa da cento dollari pagata poi al nostro rientro in Italia. La seconda nel 2008 , “inside the Bryce”, ma questa si che è stata una multa, non pecuniaria, ma un avvertimento più che altro, andavamo a quarantacinque e il limite è trentacinque, ci sono gli animali e moltissimi bambini, bisogna rispettare le regole, mi disse il Ranger che ci aveva fermato, questa non è una multa da agare, ma sappi che se ti fermano nuovamente per lo stesso motivo……La terza e per il momento l’ultima(quella appena trovata tra le pagine della guida) è quella che mi ha fatto capire molte, moltissime cose. Mentre stiamo per raggiungere Washington, da Philadelfia, ad un dare precedenza, rallento e visto che non c’è nessuno che arriva da entrambi i sensi di marcia riparto senza fermarmi, dopo neanche cento metri, lampeggiante della polizia che mi intima di fermarmi. Mi fermo, e l’agente che scende dalla macchina, prima ci chiede i documenti e poi con fare spocchioso mi dice che non mi sono fermato allo stop. Io cerco di giusctificarmi e poi gli dico, ma guardi che non c’è nessuno stop. Apriti cielo, inizia ad inveire dicendomi che sopraggiungeve una macchina e io non mi sono fermato, dicendomi che se non volevo pagare allora avrebbe chiamato un giudice e avrei fatto due giorni in cella. Ovviamente gli dico che pago la multa e inizio a cercare di respirare più tranquillamente, mi da il foglietto e mi chiede 110,50 dollari, gli do 200 dollari, due pezzi da cento e mi dice:- Hai capito quanto mi devi dare? Si rispondo io, ma non abbiamo i dieci è ottanta, allora seguimi. Lo seguiamo con mia moglie sempre più spaventata e anche io inizio a perdere la pazienza, ma anche la sicurezza. Arrivamo in uno spiazzo enorme con un Bar, l’agente mi dice di farmi cambiare i duecento dollari in modo che possa dargli quanto devo per la contavvenzione. Entro nel Bar, quasi impaurito con mia moglie chiusa in macchina, esco porgo il dovuto all’agente, lui bofonchia qualche parola e mentre stiamo per ripartire ci sputa sulla macchina. La più brutta esperienza con un agente di polizia che mi sia capitata, era l’Agosto del 2011, ho fatto altri quattro viaggi sucessivamente tra Canada e Usa e fortunatamente non mi è più capitato un incontro con nessun agente.

Categorie:Travel with The WolfTag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

6 comments

  1. Esperienza davvero sgradevole. Chiaramente non si può generalizzare però devo confessarti che anch’io ho avuto la sensazione che i poliziotti statunitensi fossero un po’ più bruschi nei modi, rispetto allo standard europeo.

    Piace a 1 persona

  2. Mamma mia che brutta esperienza…😬

    Piace a 1 persona

  3. E se eri di carnagione scura ti menava anche con il manganello.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Le foci dell'Eufrate

ovvero le frasi che urlo di notte

La Custode della Luna

Segreti e misteri di una strega "lunatica"

HIC SUNT LEONES

Sintesi del Tavellismo in piena libertà...o quasi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: