My Top Five Hotels

Nei miei primi viaggi, il budget era quasi tutto a favore degli acquisti e dei divertimenti in viaggio, ci si accontentava di dormire in luoghi che avevano un unica richiesta da parte nostra: la pulizia. Poi abbiamo iniziato ad avere pretese diverse e aumentando anche il budget, si è alzato anche il livello delle strutture che abbiamo utilizzato anche nei nostri viaggi on the road. Negli ultimi anni, complice anche il nostro modo di viaggiare abbiamo alzato ulteriormente il livello, specialmente nei viaggi a unica destinazione, anche se devo essere sincero gli Hotels devono avere un buon rapporto qualità prezzo, ma soprattutto devono essere puliti, se siete in giro tutto il giorno, non ha molto senso spendere un patrimonio per dormire qualche ora, un letto comodo e una stanza pulita sono da privilegiare sopra ogni cosa, però ho dei bei ricordi di alcune nostre mete particolari. Nella mia Top five, metto i cinque Hotels che ci sono piaciuti di più sotto vari punti di vista, indipendentemente dalle stelle, l’atmosfera, la cortesia, la pulizia e lo charme e i servizi  sono tra queste.

Al primo posto senza alcun dubbio, Hilton Canary Wharf,  a Londra, complice un grosso affare tramite booking, siamo riusciti a spendere poco e a godere di una serie di servizi eccezionali, camere pulitissime, cordialità ed una spettacolare colazione inclusa nel prezzo hanno fatto tutta la differenza di questo mondo. Al Secondo posto un bellissimo posto, molto di charme, il Beverly Plaza Hotel a Los Angeles, meraviglioso giardino e servizio impeccabile, abbiamo dormito solo una notte qui, ma ci è rimasta nel cuore. Al terzo posto Il Marriott Hotel city centre, siamo a Shanghai, una splendida suite e profumi floreali stupefacenti, siamo a due passi da People Square e dalle splendide luci di Nanjing Road, qui a differenza dei primi due eravamo con Rebecca, dovrebbe essere al primo posto, per un sacco di motivi. Al quarto posto, lo Sheraton Hotel and Towers, uno spettacolo con vista sulla baia di Hong Kong, camera piccola, molto funzionale, Hotel enorme per i nostri standard, ma siamo stati quasi dieci giorni e per tutto quel tempo ci siamo sentiti a casa, per nulla a buon prezzo , ma posizione imbattibile, fuori dalla grande porta d’ingresso ingresso in metropolitana direttamente su Nathan Road. al quinto posto di questa classifica, Hyatt Regency at Capitol Hill a Washington, bellissima la vista serale sullo State Capitol della capitale americana, belle camere, ma il servizio si perde per la migliaia di persone che girano nella hall, buona posizione .

Bellissimi Hotels, senza alcuna ombra di dubbio, ma si può investire quel gruzzolo, in attività, in cene di gran gusto in dischi o in libri, insomma meglio spendere tanto per vedere, piuttosto che spendere per dormire, non siete d’accordo ? …..Buon sabato e Buon Viaggio

Indovina Indovinello se il posto è sempre quello Shot 121

L’ultima volta ci eravamo lasciati nel piazzale antistante il grande Santuario di Vicoforte, in provincia di Cuneo, il Santuario con la cupola ellittica più grande del pianeta. Oggi invece siamo in un altro mondo, una delle mie città preferite, sin dai tempi di Reign man, ma così vi ho detto praticamente tutto. Questa è la parte nuova che va incontro alla città vecchia, ovviamente vecchia è un eufemismo… Dove ci troviamo ?Buona giornata e Buon Viaggio

Panjiayuan, nel cuore di Pechino

Se adorate le porcellane risalenti alle varie dinastie cinesi, allora non potete mancare il mercato coloratissimo di Panjiayuan, dove si trovano meravigliosi oggeti di artigianato anche molto antichi, il mercato delle antichità di Panjiayuan si trova nel cuore della capitale cinese, vicino al lago Longtan nel quartiere di Chaoyang. Conosciuto anche come il mercato della domenica, questo luogo è il più grande mercato di Pechino, qui si possono trovare vari oggetti di antiquariato, moltissimi prodotti artigianali e come dicevamo prima anche alcune porcellane delle dinastie del vecchio impero, non so quanto sia visitabile la Cina in questo momento, stanno tentando di aprire un po le maglie rispetto alle regole precendenti la pandemia, ma immagino che per i viaggiatori le restrizioni siano rimaste come prima. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by zhang kaiyv on Pexels.com

What a Beauty

Anche questo piccolo sentiero che attraversa o campi dietro casa, tra boschetti e canali di irrigazione potrebbe nascondere qualcosa di magico. Intanto di magico ha il silenzio rotto soltanto dal gracchiare di alcuni uccelli, le visioni degli aironi in volo sono rilassanti tanto quanto il nuoto di una nutria nell’acqua, esattamente come il ritmo della mia corso sul sentiero. Fare cose che ci fanno stare bene è la chiave per aprire il nostro cuore alle emozioni, almeno per me è così, se lo dice Massimondo potete crederci…Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Lake O’Hara

Scendendo verso sud lungo la splendida Icefield parkway, poco dopo la splendida località di Lake Louise, troviamo un’atro spettacolo della natura : Lake O”Hara. Sono almeno una decina gli specchi d’acqua glaciale come questo nella zona tra Banff e Jasper, tra British Columbia e Alberta, due degli Stati più belli del Nord America, qui tra le montagne rocciose, la natura è ancora la padrona incontrastata della terra. Buona notte e Buon Viaggio

Indovina Indovinello se il posto è sempre quello Shot 120

Un luogo di culto con una particolarità che la rende unica al mondo o meglio più che unica la prima al mondo per questa caratteristica, ci troviamo in uno dei paesi più belli del mondo, forse il più bello in assoluto per ciò che può regalare ai suoi visitatori, qualcuno sa dirmi dove ci troviamo o quale chiesa, Santuario o abbazia è questa ? Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Buongiorno

Certo che anche se no siamo nel Vermont o nel New Hampshire, i paesaggi autunnali sono meravigliosi ugualmente.Qui siamo in Lomellina, anche se non si direbbe, forse invece il mondo nelle sue differenze si assomiglia un po’ ovunque, non trovate sia così ? Buona giornata e Buon Viaggio

Next Travel updated

Quindi abbiamo definiticamente concluso il nostro itinerario, per la gioia del mio amimco Andrea( K per me), abbiamo inserito anche una puntatina in Lussemburgo, dove probabilmente ci fermeremo qualche ora per visitare il centro e pranzare durante il nostro ritorno verso l’italia e casa. Alla fine questo piccolo on the road è divenuto un viaggio a tutti gli effetti, per la nostra gioia ovviamente, insieme a lui sono cresciute in modo esponenziale anche le aspettative per le tante città e per ciò che visiteremo, ma sono certo che queste apettative non verranno disattese. Buona serata e Buon Viaggio

Photo by Francesco Ungaro on Pexels.com

Le classifiche quelle degli altri

Vienna per l’ottavo anno consecutivo risulta essere la città dove si vive meglio al mondo, fa un pò sorridere che tra le prime dieci ce ne siano ben otto Europee. Le Italiane si piazzano “bene” come al solito, Milano al quarantunesimo posto, mentre Roma scende al cinquantasettesimo, le uniche due non europee nelle prime dieci posizioni sono Vancouver (che solo per il fatto di essere la città con l’età media più giovane dovrebbe essere al primo posto) e Auckland la capitale Neozelandese. Lo strapotere europeo continua anche nella “Top Twenty” dove altre cinque città si aggiungono alle altre 8, con un Totale di 13 su 20 , da considerare, che tra queste, tolte Amsterdam e Stoccolma, il resto si divide tra le città di Svizzera e Germania. La società Mercer che ha condotto  questo studio, ha preso in considerazione diversi fattori, tra i quali, livello di qualità della vita, rete dei trasporti, il tasso di criminalità, i servizi sanitari ed altro ancora. La mia piccola considerazione, pensando al mio Bel Paese, sta nel fatto che il tasso di criminalità anzichè diminuire è in continua crescita, ma la cosa peggiore è la grave mancanza di educazione di base che fà si che tutto il resto risulti deteriorato …. Buona giornata e Buon Viaggio

dsc_0120
flowers in Water Street @ Gastown Vancouver

Sogni di una sera novembrina

Nell’augurarvi una Buona Domenica, una giornata che si preannuncia soleggiata anche se in questo momento sembra tutto grigio, nonostante la serata non proprio delle migliori, ieri sera ho cercato di mettere insieme la mia wishlist in termini di viaggi, ne è venuta fuori una meravigliosamente grandiosa, anche se prima di tutti ci vorrebbe uno sponsor tecnico e non solo per rendere questi sogni realtà. Quindi direi di raccontare, anche se magari mentre scrivo cambierò qualcosa, non ci posso fare nulla sono fatto così. in primo luogo Il Vietnam, perchè in termini di natura e cose da raccontare non è secondo a nessuno, poi Sri Lanka, altro splendido luogo che ha nella sua storia, nel Buddismo e nella sua giungla un fascino incredibile. La Nuova Zelanda, un luogo talmente lontano che mi immagino di fermarmi li qualche mese, la cultura Maori, la vicinanza con quello che è il meglio al livello di mare nel mondo, il pacifico meridionale e ancora Seoul , perchè eravamo pronti a partire il 17 marzo del 2020, ma è successo quello che è successoe anche perchè mi ha sempre affascinato. Anche Indonesia, perchè quando ci sono stato ho lasciato un pezzo di cuore, poichè qui ci sono un miliardo di luoghi da visitare, un altro miliardo di isole spettacolari e poi c’è Bali il paradiso. Per non parlare poi delle Filippine, perchè il mare di Palawan in questo momento mi fa invidiare chiunque ci sia stato, un sogno, il mare delle Filippine è superlativo e ci sono delle isole spettacolari ancora inesplorate e vergini come quasi in nessuno luogo ormai. Il Kazakistan, nonostate non sia proprio un luogo tranquillo e non è un paese aperto per via di una dittatura al livello naturalistico c’è tutto, deserti, montagne laghi dalle acque cristalline, steppa, città futuristiche e un sacco di altre cose, prevedo che nel giro di qualche anno il Kazakistan sarà la meta ideale per i viaggi fai da te, sempre che quel paese riesca ad aprirsi e a liberarsi del giogo che lo tiene al guinzaglio. Poi come non parlare del Cile , abbiamo molti libri di Isabel Allende, ma io non ne ho ancora letto uno. Il Cile è un luogo magico che andrebbe visitato da nord a sud sino a Torre del Paine, finendo il viaggio nella Patagonia Argentina, anche solo per ballare un tango. Per finire l’Alaska, il grande stato americano è l’avventura per eccellenza, una terra di frontiera ancora selvaggia con una fauna da fare invidia, paesaggi incredibili, ghiacciai e vette spettacolari e poi qui c’è il Denali national Park. Per finire , Casa Mia, perchè dopo un pò che sono in giro sento sempre la necessità di tornare, perchè questo è il mio rifugio, perchè qui c’è la mia vita. Buoma giornata e Buon Viaggio