I fatti miei

Alla fine un viaggetto on the road di qualche giorno sta diventando un viaggio a tutti gli effetti, ieri ho prenotato gli Hotels delle due tappe intermedie, eravamo indecisi tra Treveri, la splendida città “romana” adagiata sulla Mosella in territorio tedesco al confine con la Francia, una città che ci riporta all’impero romano e Gaio Giulio Cesare. Poi tra le possibili tappe c’era anche Lussemburgo, il piccolo stato che con Belgio e Olanda, forma quello che è il Benelux, ma lo abbiamo scartato senza motivi particolari e quindi abbiamo scelto due spettacolari tappe, una in andata a Metz, cittadina francese con uno splendido centro medievale e di ritorno Strasburgo, splendida città dell’Alsazia e una delle tre sedi del parlamento Europeo. Insomma un viaggio nella storia del vecchio continente che mi piacerebbe iniziasse a cambiare marcia sotto molti punti di vista. Buona Domenica e Buon Viaggio

Photo by Eugene Deshko on Pexels.com

A casa di Thomas Mann

Una delle città più belle di germania, Lubecca deve il suo splendore al medioevo, periodo nel quale la città crebbe e divenne uno dei porti più importanti del nord europa. La bellissima porta dell’Holstentor, una costruzione con due splendide torri è la porta per la città vecchia, dove edifici gotici del XII secolo padroneggiano questa parte della città, ci troviamo a nordest di Amburgo proprio sotto la scandinavia. Qui nacque uno dei più grandi scrittori tedeschi del novecento, Thomas Mann, nella splendida cornice della Buddenbrookhaus, si trova una sorta di museo dedicato ai fratelli Mann, che qui sono cresciuti e che ha ispirato il bellissimo romanzo Buddenbrook, con il quale lo scrittore tedesco venne insignito del nobel per la letteratura nel 1929. La germania è spesso sottovalutata, ma è una splendida meta sia per i viaggi on the road, che per qualche weekend nelle sue splendide città, la storia e la bellezza di Lubecca sapranno certamente emozionarvi …Buona  giornata e Buon Viaggio

Signals from the Planet ” Check point Charlie “

Non so se fosse meglio ill mondo della Berlino divisa, di certo il mondo dei due blocchi si guardava con diffidenza, ma evitava spesso escalation pericolose, almeno sino al 1990, anno della guerra in Kuwait. Di certo la Germania e il mondo che uscirono dalla seconda guerra mondiale fu terribile, un mondo devastato con oltre settanta milioni di morti e città semidistrutte in tutta Europa, proprio il vecchio continente rimane il campo sul quale le due superpotenze si sono sempre confrontate, la mia idea è sempre la stessa, come una partita di calcio dovrebbero fare la guerra Russia e Stati Uniti, una volta in territorio americano e una volta in quello russo, oppure nel bellissimo scenario del mar di Bering che vede i due paesi quasi toccarsi. Il cartello in questione si trova in Friedrich strasse a Berlino, dove sino alla caduta del muro, nel 1989 si passava dalla parte occidentale a quella orientale della capitake tedesca (prima di allora era Bonn), oggi ci si va solo per fare le foto ricordo. Buona giornata e Buon Viaggio

download (35)

Scatto d’annata B come Baltico

Uno scatto che mi riporta indietro di qualche decennio. Siamo sul traghetto che da Puttgarden germania ci avrebbe portato a Rodby Danimarca, per poi proseguire in auto sino alla capitale danese Copenaghen, nel secondo on the road della mia vita, eravamo io e Davide, poco più che ventenni, una decina di giorni in terra scandinava e poi saremmo dovuti andare ad Amsterdam, ma durante il viaggio di ritorno, più o meno qualche chilometro a sud di Amburgo, decidemmo che avevamo già dato e facemmo rotta verso Andora, dove ci aspettavano alcuni amici e amiche. Scelta migliore non avremmo potuto fare assolutamente, anche se poi da li le nostre strade si divisero per sempre. Buona giornata e Buon Viaggio

I musei di Berlino

Sono sempre stato innamorato di Berlino, da quando sulle note di Heroes di Bowie, vidi quello struggente film su Christiana F, quando ci sono andato la prima volta, ho visto una città affascinante e in continuo miglioramento, certo faceva freddissimo e ci credo partivano proprio oggi e nonostante a Milano brillasse il sole esattamente come oggi, nella capitale tedesca il sole non bastava a scaldare la temperatura, ma tutto il resto scaldava ampiamente il cuore, come ciò che si trova nel quartiere Mitte, nel pieno centro delle bellissima città tedesca, troviamo questa isola altrettanto splendida chiamata ormai “Museum Miles “, per la presenza di ben cinque musei. Attraversando il ponte che unisce le due sponde del Fiume Sprea vi troverete sull’isola, da qui non avete che da scegliere, almeno che non siate degli Stakanovisti della cultura e avete deciso di fare una full Immersion completa( ma vi ci vorrebbero comunque più giorni) . I Musei sono i seguenti :

Bode Museum Il museo riaperto solo da qualche anno, offre una bellissima galleria di epoca bizantina e sculture medioevali.

Pergamonmuseums qui si trovano alcune delle perle architettoniche di epoca greco romana, con la punta di diamante della porta del Mercato di Mileto

Neues Museum Il busto della regina Nefertiti vale da solo il biglietto

Altes Museum manufatti di epoca greca

Alte Nationalgalerie riaperto solo nel 2001 (dopo un lungo restauro dovuto alla quasi distruzione durante la guerra) , al suo interno dipinti degli impressionisti Francesi

Insomma , in questo che è un vero tempio della cultura non avrete certo tempo per annoiarvi e saprete sempre cosa fare e dove andare , tra l’altro Berlino è una splendida verde città……Buona Domenica e Buon Viaggio

Una Palla, un Viaggio

Era un freddissimo week end di gennaio del 2018, quando ci recammo a Berlino per qualche giorno, faceva veramente freddo, tanto che Rebecca, quasi non voleva camminare e spesso chiedeva di esser presa in braccio. Berlino è un posto con un fascino pazzesco, in Europa la metterei appena sotto Roma e Londra e poi ha una storia tragica che non bisogna dimenticare mai. Forse il primo acquisto nella capitale tedesca fu proprio questa pala di Natale che è molto bella a dispetto dell’immagine, che non le rende giustizia. Buona notte e Buon Viaggio

Il mondo è meraviglioso

Se non fosse per i diritti negati a molti, il nostro mondo sarebbe veramente un luogo meraviglioso dove vivere. Ci sono molti paesi che sono, per esempio, poco stimati da molti viaggiatori, ma che in realtà sono belli, anzi bellissimi, un esempio? La Germania, il grande paese europeo è un bellissimo esempio di mix tra natura, cultura ed efficienza, città funzionali e paesi che sambrano usciti da una fiaba come quelli lungo la Romantische strasse, castelli e foreste incredibili, c’è di tutto, anche tanta storia, come a Triveri dove si trovano edifici romani in splendida forma nonostante i millenni. Questo scatto che ci regala la pagina social Wild Free, arriva dal lago di Baldeneysee, una meraviglia a metà strada tra le città di Dusseldorf e Dortmund nel nord ovest del paese, non lontano dal confine con l’Olanda. Stanotte è venuta già tanta di quell’acqua che ad un certo punto ho anche pensato di scrivere a Noe, per sapere qualcosa di più sull’arca, oggi però non piove e dovrebbe esserci il sole. Buona giornata e Buon Viaggio

A Ettal, a casa di Ludwig II

Doveva essere la nostra meta estiva, la Baviera, i suoi castelli e la Romantische Strasse e invece non è stato così. Uno dei tre castelli fatti costruire da Ludwig II di Baviera, più che un castello una villa reala, detta anche “Villa del Sognatore” si trova a Ettal, non molto lontana dal confine austriaco in Baviera, una delle regioni tedesche con più manieri e costruzioni sfarzose di antica memoria. In realtà questa costruzione era una delle riserve di caccia di Massimiliano II, che aveva acquistato questo luogo dai Linder (da qui il nome della villa), fu poi il figlio Ludwig, appunto a trasformarla in una lussuosissima residenza.

Un luogo amato , molto più di tante altre città da Ludwig II, uno dei suoi luoghi prefertiti, giardini a terrazza meravigliosi fanno da contorno a questa splendida casa, se siete nella zona o magari stati percorrendo la romantische strasse, fate una piccola deviazione per visitare questa meraviglia……Buona pomeriggio e Buon Viaggio

download

City Parks Part 3

Una delle città più affascinanti del vecchio continente è certamente la capitale tedesca Berlino. Una storia incredibile, divisa per anni dalla guerra fredda a riniziato a rianimarsi completamente negli ultimi anni, anche perchè dopo la caduta del muro, la Germania ha dovuto mettere mano ai portafogli (probabilmente anche ai nostri), per ricostruire soprattutto le macerie dell’ex DDR. Uno dei parchi di Berlino, forse il più famoso parco cittadino è sicuramente il Tiergarten, dall’omonimo quartiere della zona nord della capitale tedesca. Famoso soprattutto tra i giovani degli anni ottanta, per una storia non bellissima che è quella raccontata nel libro Christiana F noi ragazzi dello zoo di Berlino, una storia enorme dove l’eroina è una coprotagonista devastante, come tante altre storie in Europa e nel mondo. In realtà questo spazio verde che ospita ancora lo zoo è un luogo molto bello e che attraversando il quale, arriverete alla porta di Brandeburgo e al Reichstag, il palazzo del governo, quello famoso per essere stato incendiato dai nazisti durante la presa del potere nel febbraio del 1933. dalla parte opposta, sempre camminando in mezzo ai boschetti di questa meraviglia si trova la colonna della vittoria che commemora la vittoria nella guerra prussodanese del 1864. Proseguendo verso ovest, proprio alla fine del parco, si trova il politecnico di Berlino, un campus universitario di pregevole valore internazionale. Direi che è bello passeggiare dove è possibile trovare molte cose da visitare. Berlino è meravigliosa. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Photo by Viviana Ceballos on Pexels.com

Il mito di Capo Nord

Una strada in mezzo al nulla, una strada dove si possono incontrare solamente Renne, in alcuni punti se ne vedono molte, la nebbia in estate può essere veramente fitta, ma per molti, specialmente ciclisti e motociclisti questo è un punto d’arrivo tra i più sognati : Nordkapp. I quattromila chilometri che separano per esempio Milano dal punto più a nord del continente europeo, sono una passeggiata per molti, non sono assolutamente un problema per i motociclisti, ne abbiamo visti tantissimi mentre cavalcavamo tra i fiordi norvegesi e mentre ritornavamo dal versante svedese, molti avevano l’aria trasognata di quelli che avevano realizzato il sogno della vita, altri apparivano stanchi, ma nessuno aveva voglia di mollare, specie perchè ormai il grosso del lavoro era stato fatto. La strada più corta è quella che taglia in due il continente europeo, si passa dalla Svizzera, si attraversano Germania e Danimarca e la Svezia, accarezzando la Lapponia finlandese e terminando la corsa in territorio norvegese, una splendida avventura, specialmente il tratto scandinavo. Noi siamo partiti da Bergen e abbiamo fatto tutti i fiordi norvegesi prima di arrivare a Nordkapp, ma questa è un’altra storia. Buona giornata e Buon Viaggio