Un Viaggio on the road Part 1

Il 2011 è l’anno di un grande on the road, il primo tra Stati Uniti e Canada, il secondo nella parte est del paese americano, il primo vero viaggio in Canada. In realtà in Canada ci eravamo stati già nel 1995, ma solo alle cascate del Niagara e come nostro costume abbiamo aggiunto luoghi e città non viste in precedenza, come per esempio Portland e il Maine, luoghi fantastici. Il Canada è stata una sorpresa, abbiamo visitato le cascate del Niagara, Toronto, la bellissima Niagara on the lake, Montreal e le bellissime Thousand Islands, la capitale Ottawa, una splendida città e quel gioiello che è Quebec City. Il Canada ci è entrato dritto al cuore e non avevamo ancora visto nulla. Nella parte degli States a parte New York dove siamo stati un paio di notti, abbiamo soggiornato a Philadelfia, che ci è piaciuta molto, se c’è una città che riporta alla storia degli Stati Uniti è proprio questa, Washington la capitale è un luogo dove si respirava il potere emanato dalle sue costruzioni e dai suoi simboli, prima che Capitol Hill venisse assaltata, ma è un’altra storia. Anche Boston ce la siamo goduta alla grande, ma come sempre, quello che mi affascina e ci affascina di più sono i piccoli centri, quei paesini, così organizzati, pieni di angoli verdi puliti e all’apparenza usciti dalle favole, in Canada mi vengono in mente Niagara on the Lake e Prescott, negli States, Warwich nella valle dell’Hudson uno splendido paesino che sembra essere uscito dritto dritto dalla penna di Paul Auster. Buona Giornata e Buon Viaggio

In the wild heart of Canada

Finalmente abbiamo deciso tutte le tappe, almeno sino a che non decideremo che quelle saranno le tappe definitive, ma in linea di massima dovremmo esserci. Quindi si parte via Monaco di Baviera, per atterrare a Vancouver, le solite cose e ritiro dell’auto, notte a Vancouver, non vorrete certo mettervi in viaggio dopo dieci ore di volo, non abbiamo più l’età. Spero invece che dopo una doccia rinfrescante si possa fare un giretto a Gastown, la parte vecchia di Vancouver, giusto per un boccone e una passeggiate nella splendida Water Street. il giorno dopo si parte per Victoria, traghetto da Tsawwassen e arrivo a Victoria prima di pranzo, giusto il tempo di mettere le valigie in camera e via a fare quattro passi per lo splendido inner Harbour qui prenotiamo la nostra prima escursione, per andare a vedere nello splendido Juan de Fuca Straits, le orche. staremo un paio di notti a Victoria, poi ci sposteremo via Nanaimo, sulla costa occidentale di vancouver Island a Tofino, quin non ci siamo mai stati quindi ci affidiamo alle guide che dicono che sia la parte più bella dell’isola. Dopo un paio di notti a Tofino, sempre via Nanaimo rientriamo sulla terra ferma per arrivare a Kamloops, questa è una tappa intermedia, ma siamo affezionati a questa piccola cittadina lungo le sponde del Thompson River. Da Qui si parte l’indomani alla volta di Edmonton, l’ultima volta che ci siamo stati, il centro era in completo rinnovamento e quindi speraimo di goderci lo splendore della capitale dell’Alberta, che è una chicca di città di frontiera. Anche qui ci fermeremo un paio di notti, per poi proseguire per le pianure della parte centrale degli stati dello Saskatchewan e del Manitoba e visiteremo le città di Saskatoon, Winnipeg e Regina. Da Regina, ci muoveremo verso quello che sarà il cuore del Viaggio, quindi Calgary e le montagne rocciose. A Calgary ci fermeremo tre notti anche perchè c’è uno splendido outlet a metà strada con Edmonton e qui è impossibile non comprare. Poi ci sposteremo nel cuore selvaggio del Canada, le Montagne rocciose e i suoi parchi, faremo base a Jasper per visitare, il Glacier, il Peyto Lake che lo scorso viaggio ci ha respinto con una nevicata improvvisa, i tanti laghi e ghiacciai della zona e poi spero di andare a Golden per vedere i Lupi del North America, qui se ne vanno altri tre giorni. Dopo jasper torneremo verso Vancouver via Kamloops, per trascorrere gli ultimi due/tre giorni del nostro fantastico viaggio nel cuore del Canada Selvaggo. Mi sembra un bel itinerario, che ne dite? Buona giornata e Buon Viaggio

Next dream will come true

Noi stiamo lavorando, nonostante ogni giorno sembra riportarci al punto di partenza, lavoriamo alacremente per un viaggio che sembra lontano, ma che è più vicino di quanto possa apparire. Intanto abbiamo il volo e questa è una cosa positiva, poi abbiamo un paio di itinerari, uno che arriverebbe in Alaska, partendo da Vancouver, l’altro ch invece si snoda sino alla parte centrale del Canada, in entrambi non mancheranno le montagne rocciose e i parchi di quella che secondo me è una tra le zone più belle del pianeta. L’Alaska, ma in realtà la sua capitale Juneau, ci attira da sempre, e questa escursione che ci costerebbe qualche migliaio di chilometri in più, ci porterebbe a visitare il parco nazionale di Glacier Bay, una riserva naturale immensa punteggiata ovunque da ghiacciai che si bagnano sulle acque gelide del mare di Bering nel golfo dell’Alaska. Arrivarci prevede una tratta in traghetto, vedremo. Le uniche tappe certe sono L’Inside Passage, un tratto di mare ( anche qui traghetto con notte annessa) tra Port Hardy nella parte nord di Vancouver island e Prince Rupert, attraversando fiordi e isole più o meno grandi, in un tratto di mare dove in quel periodo abbondano grossi cetacei e orche e le Montagne rocciose e il parco nazionale di Jasper, dove avremmo deciso di fermarci qualche giorno per godere della splendida fauna di questa parte di Rockies, lupi e orsi su tutti, specialmente i secondi, tra giugno e agosto se ne vedono moltissimi. Insomma, come ho detto qualche giorno fa, noi ci mettiamo la voglia ( che è tantissima) e la fiducia, per il resto non possiamo fare altre che continuare a sognare e questo niente e nessuno potrà togliercelo. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Pixabay on Pexels.com

Torniamo a Sognare

L’anno scorso dopo la delusione tra virgolette di Seoul, ci eravamo ripromessi che appena possibile avremmo fatto un lunghissimo on the road del Canada o meglio una sorta di coast to coast. Ovviamente il 2021 sarebbe stato l’anno della “rinascita” in termini di viaggi, invece tutti sappiamo come è la realtà. Dopo esserci vaccinati entrambi, avevamo prenotato alcuni Hotels lungo la Romantische Strasse e in generale in Baviera, un piccolo viaggio che avrebbe segnato la ripartenza, ma poi con tutto questo macello delle varianti, della quarantena etc etc, abbiamo deciso di annullare tutto, sta diventando una costante mannaggia! Però bisognerà ripartire da qualche parte prima o poi, allora io ripartirei da un volo Milano Toronto, in una mattinata di mezza estate, un volo che ci porta dall’altra parte dell’Oceano e ci permetta una volta ritirato un piccolo camper o un auto (questo non lo abbiamo ancora stabilito), di iniziare il nostro tour, non dalla grande città dell’Ontario, ma dalle cascate del Niagara, anche perchè Rebecca non vede l’ora di poterle ammirare dal vivo. Che ne dite è un buon punto di partenza per tornare a “volare” per il momento con la fantasia ? Si io direi di si. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Pixabay on Pexels.com

Un bel viaggio on the road

l’anno scorso, in tempi non sospetti avevamo ancora prima di partire per Seul (poi non siamo partiti ovviamente), avevo già messo giù un lungo on the road per il 2021(che ovviamente non faremo), però una traccia che potrà tornare utile speriamo quanto prima. Il viaggio in questione è uno splendido coast to coast del Canada, partendo dallo splendido spettacolo della Niagara Falls, per arrivare alla spettacolare natura di Vancouver Island, percorrendo i circa cinquemila chilometri con un piccolo camper o un’auto. l’Idea è quella di arrivare a Toronto, stare un paio di giorni e poi dare il via a questo lungo viaggio, con una piccola deviazione alle cascate del Niagara( visto che siamo qui). la prima tappa ci porta verso nord costeggiando il grande lago Huron,la seconda tappa ci porta a Thunder bay lungo le coste del lago Superior, in una delle zone più belle del Nord america, quella dei grandi laghi. Poi due o tre giorni per raggiungere la parte centrale del grande paese e visitare le città di Winnipeg e Saskaton, che in inverno raggiungono anche i quaranti gradi sotto zero, ma che in estate per un breve periodo sono uno splendore di colori. Poi si va verso il mio luogo preferito al mondo, le Rockies e i parchi nazionali canadesi dell’Alberta e qui ci vogliono un po di giorni per visitare i parchi, ma anche le città di Calgary e Edmonton che sono due gioielli di organizzazione e efficienza, in queste zone sono assolutamente da non perdere le cittadine di Jasper e Banff con i loro famosi parchi nazionali proprio sulle Rockies, qui tra giugno e luglio vi imbatterete in moltissimi animali, Orsi, lupi , alci e altri grandi mammiferi che arricchiscono questo ambiente montano meraviglioso. Poi si viaggia verso Vancouver e Vancouver Island, passando per Kamloops, dove io passo perchè qui in un viaggio particolare della vita mia e di mia moglie abbiamo raggiunto il punto più alto di felicità. Vancouver merita qualche giorno assolutamente, Stanley Park , North Vancouver il Lions Gate , la città “vecchia” di Gastown e la splendida Water Street meritano assolutamente, una delle città più vivivbili al mondo con un età media dei suoi abitanti tra le più basse del pianeta. Ultima tappa, traghettiamo per la splendida isola di Vancouver , dove ci aspetta una bellissima natura nella parte centrale e una splendida cittadina, Victoria che è anche la capitale dello stato del British Columbia e ha un aria molto molto British, con pub e librerie speciali. Ultima tappa il ritorno a Vancouver da dove si ripartirà per tornare a casa. I avrei già anche stimato i costi e i tempi , quindi in teoria sarei anche pronto per partire, ma mi sa che dovremmo aspettare ancora, l’importante è farlo comunque. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Adi kavazovic on Pexels.com
Photo by James Wheeler on Pexels.com

Una foto un viaggio, Shot 25

Una foto dell’ultimo viaggio prima di questo macello incredibile, questo scatto racconta per quello che può il nostro on the road nella penisola scandinava, tra i fiordi norvegesi, il fascino della lapponia finlandese e delle città della Svezia. Un Viaggio fatto di molti spostamenti come un on the road comanda, climi nettamente differenti, la più occidentale delle tre, la Norvegia (che ci è piaciuta molto), ci ha regalato pochissimi sprazzi di cielo sereno, ma noi non ci siamo fatti intimorire anzi, pioggia e freddo non hanno per nulla tolto il fascino a questo splendido paese. La parte più lunga del viaggio sin sopra il circolo polare artico per arrivare a Capo Nord , passando per le splendide Bergen, Alesund, Tromso e tutta una serie di piccoli paesi lungo i fiordi norvegesi, uno spettacolo vero. Il tratto Finlandese è stato velocissimo e dedicato a Rebecca, siamo stati al Santa Claus Village, nelle foreste fuori Rovaniemi la “capitale” della Lapponia e soprattutto la casa di Babbo Natale. Poi c’è stata la discesa verso Stoccolma, passando per le splendide città di Umea e Uppsala uno splendido viaggio, uno dei più belli che abbiamo mai fatto, anche perchè il più bello è sempre il prossimo. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Una multa da non pagare

Stiamo viaggiando all’interno del Bryce Canyon Utah Stati Uniti , siamo nell’estate del 1998 , mentre visitiamo il parco percorrendo la 63 in direzione di Sunset Point , ci ferma un ranger , e nel chiederci i documenti , ci spiega che all’interno del parco vivono tanti animali e che bisogna preservarli , cosi facendo mi fà , perchè alla guida come al solito c’è il sottoscritto , una multa non pecuniaria , e mi spiega che non devo pagare nulla , ma se durante il nostro viaggio dovessero fermarmi per lo stesso motivo allora , oltre alla multa potrei incorrere in altro , molto gentilmente mi rende il passaporto , educatamente ci saluta e se ne và . Non ho voluto assolutamente vedere quali pene eventuali avrebbero potuto infliggermi qualora fossi stato fermato per eccesso di velocità (la multa ci è stata inflitta perchè a fronte di un limite di 35 Mph noi andavamo a 60 Mph) , il resto del viaggio è andato alla grande , ma da questo abbiamo imparato a rispettare i limiti di velocità ovunque , questo serve si per preservare la natura , ma anche per preservare noi stessi e chi stà con noi , e poi mi ha colpito molto questo aspetto di notifica non pecuniaria , un primo avviso , se si è recidivi si paga anche per la volta precedente , andrebbe applicato anche per molti altri reati , ed anche in altri paesi , magari senza prendere ad esempio il modo di fare di molti poliziotti . Oggi quel verbale , è incorniciato nella stanza di mia figlia insieme ad una caricatura ,che un ragazzo cinese ha fatto per me a Times Square……….Andate Piano . Preserve  the Nature…..Buon Lunedì e Buon Viaggio

 

 

Scegliere un viaggio On The Road

Ci eravamo lasciati qualche tempo fa , mentre stavo lavorando al nostro prossimo viaggio , un coast to coast del Canada , dalle Cascate del Niagara a Victoria su Vancouver Island , nel frattempo stiamo vedendo una serie su sky che si intitola : Alaska:Missione Animali , si parla prettamente di animali selvatici che vengono curati in diversi centri per poi venire reintrodotti in natura , quando possibile , ma le immagini delle zone limitrofe , delle foreste e della natura in generale sono incredibilmente belle , quindi in questo momento il nostro coast to coast del Canada è diventato un impegnativo On the road lungo la strepitosa Alaska Highway , partendo da Calgary e attraversando tutto il British Columbia , lo Yukon per passare a Tok il confine e arrivare poi a Fairbanks e di li il parco nazionale di Denali , Talkeetna , Anchorage , la Kenai Peninsula , Homer , Portage etc . Ma c’è ancora tanto tempo per pensarci , magari lavorerò ad entrambi , per il momento io sono più attratto dal Coast to Coast canadese che sarebbe anche meno dispendioso sotto tutti i punti di vista .

18 su 59,ecco perchè spesso gli States

Proprio ieri , leggendo una vecchia rivista sui parchi americani , mi sono reso conto che nonostante io sia convinto di conoscere molto bene il nord america , in realtà son ben lontano anche da un misero 50 per cento , questo almeno per quanto riguarda i Parchi , chiaramente , per gli Stati sono bel oltre . Poi mi sono soffermato su un aspetto , dei bel 41 parchi nazionali americani che mancano alla mia lista , ce ne sono una decina che sono in Alaska , territorio vastissimo che comporterebbe un enorme investimento in denaro e tempo , quindi difficili se non con uno o più viaggi , uno , che è tra quelli che vedrei più volentieri , è alle Hawaii , il Volcanoes National Park .Sull’isola di Hawaii , dove ogni anno quesi due monelli del Kilauea e Mauna loa , spruzzano di lava e aumentano la grandezza dell’isola a colpi di grandi euruzioni si possono fare tante cose , ma anche qui ci vuole un organizzazione perfetta . Ma quelli che ho messo nel mirino da anni , sono il parco di Great Smoky Mountains , tra la Carolina del Nord e il Tennessee e lo spettacolare Shenandoah nel West Virginia , dove si trova una delle strade americane più bella da fare durante il foliage: La Skyline Drive , che taglia in due lo splendido parco attraverso le Blue Ridge Mountains . Ecco questi due , sarebbero fattibili in un unico viaggio essendo non molto distanti tra loro , i due parchi distano infatti poco più di quattrocento miglia , seicento cinquanta chilometri circa . Quindi che fare , se non provare a studiare il tracciato ? Per il resto non credo che farò tutti i parchi americani , ce me sono alcuni che non mi interessano , ma mai dire mai , la vita è imprevedibile e spesso sa regalare grandi sorprese …..Buona giornata e Buon Viaggio

I Dieci luoghi che vorrei vedere almeno una volta nella vita Part 1

Tenendo presente che vorrei andarmene dopo aver visitato tutto il mondo e non ponendomi limiti assolutamente , vorrei però dirvi quali sono i dieci posti che non ho ancora visto e che mi piacerebbe vedere almeno una volta . Citando Micheal Jordan (per me lo sportivo più grande di sempre) ” I limiti , come le paure spesso sono solo un illusione ” . Quindi partiamo con il primo luogo che è l’Alaska , lo stato americano ancora selvaggio per la maggior parte del suo territorio , uno dei luoghi più estremi del pianeta . Il secondo luogo è il Vietnam , sono stato qualche volta in oriente , qualche volta in estremo Oriente , questo paese mi ha sempre attirato per la sua notevole varietà di attrazioni soprattutto naturalistiche . Il terzo luogo è l’Africa dei grandi animali , il mio sogno da almeno una trentina di anni è : discendere il fiume Zambesi sino alle cascate Vittoria per poi visitare i parchi del Botswana Chobe e Hwange un sogno importante . Poi per il quarto luogo , un altro paese meraviglioso : L’Iran , la Persia un paese ricco di storia e di monumenti talmente belli da togliere il fiato . Il quinto luogo è l’unico paese Sudamericano che mi attira da sempre , il Cile a maggior ragione adesso che un privato ha donato migliaia di dollari per costruire una strada che attraversa il paese da Nord a Sud e renderlo visitabile con un viaggio On the road tra i più affascinanti . Il Sesto è un luogo di mare , anche qui un sogno nel cassetto da molti anni , sfiorato un paio di volte , ma non ancora raggiunto , l’arcipelago delle isole Yasawa , uno dei paradisi dei mari del sud , il più bello secondo il mio modestissimo (poco) parere . Per il momento mi fermo qui , troppe emozioni solo a parlarne . Insomma , niente male direi , poi ci sono anche i luoghi dove vorrei ritornare , ma quella è un’altra storia ……Buona giornata e Buon Viaggio