Waterloo prima di Sant’Elena

Era il 18 Giugno del 1815, quando Napoleone fu sconfitto dal Duca di Wellington sulla collina di Waterloo, piccolo centro a sud di Bruxelles. la battaglia durò circa nove ore e i Francesi dell’Imperatore furono sconfitti da un esercito che comprendeva Inglesi, Tedeschi e Olandesi, guidati in battaglia dal Generale nato a Dublino, ma questa è storia, la storia che ancora oggi possiamo rivivere visitando Waterloo e il campo di battaglia dove avvenne uno tra i più famosi combattimenti della storia dell’umanità. Napoleone a seguito di questa sconfitta fu esiliato a Sant’Elena dove morì qualche anno dopo. Oggi a Waterloo si possono visitare sia il campo, che è uno dei più grandi in Europa e meglio conservati, sia il museo Wellington, che è in realtà la locanda dove il generale britannico trascorse l’ultima notte prima della battaglia, sia il memoriale 1815, che ripercorre tutte le tappe del combattimento e non solo. Forse tra una tappa e l’altra in Belgio riusciremo a fare una capatina in questo che è stato per una giornata l’ombelico del mondo. Buona giornata e Buon Viaggio

Pub sign, The Waterloo, Sebastopol by Jaggery is licensed under CC-BY-SA 2.0

Dartfor, i dannati e Mick Jagger

Ho appena finito per l’ennesima volta la trilogia dei Dannati di Glen Cooper, lo scrittore amiricano che ha ambientato questa spettacolare storia tra le strada di Dartford, piccolo centro del Kent appena ad est di Londra lungo le sponde del Tamigi. Dartford è stato un centro molto attivo durante il medioevo, ma è famoso al mondo per aver dato i natali a Mick Jagger, il frontman dei Rolling Stones e proprio nella Dartford Station si trova una targa che indica con precisione l’incontro tra i giovanissimi Mick e keith ( Richards altro personaggio da romanzo) poco prima della nascita degli Stones. Chissà perchè di questa strana coincidenza… Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Jessica Lewis Creative on Pexels.com

Next Travel updated

Quindi abbiamo definiticamente concluso il nostro itinerario, per la gioia del mio amimco Andrea( K per me), abbiamo inserito anche una puntatina in Lussemburgo, dove probabilmente ci fermeremo qualche ora per visitare il centro e pranzare durante il nostro ritorno verso l’italia e casa. Alla fine questo piccolo on the road è divenuto un viaggio a tutti gli effetti, per la nostra gioia ovviamente, insieme a lui sono cresciute in modo esponenziale anche le aspettative per le tante città e per ciò che visiteremo, ma sono certo che queste apettative non verranno disattese. Buona serata e Buon Viaggio

Photo by Francesco Ungaro on Pexels.com

Librerie del Mondo “Barter Bools ” Alnwick England

Nella piccola cittadina di Alnwick, a nord di Sunderland nel Regno unito, famosa per il suo bellissimo castello, si trova questa splendida libreria in Stile Vittoriano, ricavata all’interno di una stazione della ferrovia.

A Barter Books, tutto si rifà ai treni e alle stazione, la sua storia ha avuto un impennata di popolarità, perchè al suo interno è stato rinvenuto  il cartello “Keep Calm and Carry on. La Libreria è una di quelle che vende libri di seconda mano, con un bel cafè e una zona wifi, i coniugi Manley, vi aspettano per due chiacchere, se siete da queste parti non perdetela e non perdete una visita al Castello di Alnwick. Buona giornata e Buon Viaggio

download (25)

My Top European City

Premetto che alcune città non le troverete perchè sono fuori categoria, probabilmente farò una classifica a parte, città come Roma e New York nei loro rispettivi generi sono difficilmente ( a parer mio ovviamente) classificabili e quindi non meravigliatevi se non le trovate in nessuna delle mie Top Five, sono semplicemente di un altro pianeta. Poi ci sono quelle che non mi sono piaciute o mi sono opiaciute meno…

5th Place Wien

La capitale austriaca ha un fascino particolare, una storia lunghissima e soprattutto è una delle città più vivibili da anni nel panorama mondiale. I palazzi storici degli Asburgo, Mozart e Bethoven, in molti hanno contribuito nei secoli a rendere questa città una delle più belle in assoluto del vecchio continente, sempre al passo con i tempi, al quale mi lega un’avventura che ho raccontato più volte.

4th Place Stockholm

Alla capitale svedese sono particolarmente legato, un piccolo gioiello di isole in mezzo al mar baltico, una città sempre in movimento, il museo del Nobel, i palazzi storici come Kungliga il palazzo reale, le stradine di Gamla la splendida old town di Stoccolma, i lunghi, lunghissimi viali alberati e l’atmosfera giovanile e civile che si respira un po ovunque al nord, la Svezia è stata la tappa del mio primo viaggio in compagnia a diciassette anni, Goteborg mi fece innamorare di questo splendido paese, ma negli anni ci sono tornato spesso e devo dire che tutte le città che ho visto di questa terra, sono veramente molto belle, dai piccoli centri a quelli più grandi, se cercate una meta per tutte le stagioni Stoccolma e la Svezia fanno al vostro caso, al nostro caso.

3th Paris

Con la Francia ho un rapporto che dura da anni, andavo spesso a Cannes a trovare Stefano, prima a Montecarlo ogni estate che passavo ad Andora con i miei amici, poi finalmente Parigi, in un capodanno quello del 2007 piovoso e freddissimo. La Ville Lumiere non è tra le mie preferite, ma la piazza d’onore per la capitale dei cugini d’oltralpe mi sembra giusto. Non so se tornerò mai a Parigi, questo non posso escluderlo, anche perchè a Rebecca piace moltissimo ed è attratta dalla Eiffel Tower, di certo la vecchia Lutetia con la sua storia millenaria sa sempre come affascinare i viaggiatori, i vicoli di acciottolato lungo la Senna spesso nascondono luoghi che hanno fatto la storia del vecchio continente ben prima del sessantotto.

2th Trondheim

Avrei potuto metterla al primo posto, Trondheim mi è entrata nel cuore da subito, esattamente come Tromso, gli unici due luoghi al mondo dove mi trasferirei attualmente, una città a misura d’uomo non troppo grande, ma sufficientemente grande per contenere il mio ego ( ah ah ah). i suoi splendidi parchi e la città vecchia sono una cartolina in continuo movimento, le case colorate come nella maggior parte delle città norvegesi, una popolazione giovanissima, insomma qui si respira un aria frizzante che da la scossa e chissà che meraviglia deve essere Trondheim in inverno. Ci sono stato e sono convinto che ci tornerò, ci torneremo…

1th London

Certo neanche Londra può essere paragonata a Roma, ma se c’è una città che per storia, cultura e bellezza si può avvicinare alla città eterna questa per me è Londra. Sono anni che non mi reca nella capitale inglese, ma la voglia di volare a Londra è sempre forte, quando penso ad un viaggio di qualche giorno lei è il mio primo pensiero, anche se poi vince la mia voglia di vedere altre città, per me Londra, ma in generale tutto il regno unito vogliono dire soprattutto musica ed eleganza, se è pur vero che le grandi firme dell’alta moda sono appannaggio del nostro paese e dei cugini francesi, Londra è da sempre considerata una delle capitali della moda di tendenza di tutto il mondo. Alcuni dei fenomeni sociali legati alla musica nacquerò proprio tra le strade e i quartieri di Londra il Punk per fare un esempio. Di Londra ho sempra amato tutto, mi è sempre sembrato il centro del mondo e forse lo è ancora, sono sempre stato affascinato dalla cultura britannica, ho letto tantissimo, anche attraverso le storie dei grandi gruppi rock degli anni sessanta/settanta, ci sono un sacco di luoghi meravigliosi, alcuni dei luoghi del cuore, come Camden Town, centro culturale a nord di Londra, qui la musica ha fatto la storia, oggi tra i suoi mercati e le sue strade si possono fare affari di alto livello (musicalmente parlando). poi il Big Ben, Westmister, la House of parliement, e tutto ciò che ruota attorno alla storia della splendida città britannica, la più visitata in Europa e dietro solo a Hong Kong e Bangkok nel mondo.

Chissà fra qualche anno se saranno ancora le stesse cinque città o se avendone, come mi auguro visitate moltissime altre, la classifica potrà avere degli scossoni. E voi, quale città mettereste al primo posto ? Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Miklos Magyar on Pexels.com

Due Passi a Grote Markt

ormai non è più un segreto, a fine anno partiamo per un bellissimo on the road tutto europeo, partenza da Milano, attraversando Svizzera, Francia, Germania, Lussemburgo, per passare qualche giorno tra Belgio e Olanda, anche se in realtà la nostra base sarà Anversa, la città dei diamanti. Qui tra i fiamminghi di Belgio, ci sono alcune delle cattedrali e degli edifici più belli dei paesi del nord, Grote Markt è certamente la piazza più bella e grande della città al confine con l’Olanda, vi troviamo la cattedrale di Notre Dame, il bellissimo edificio rinascimentale che ospita il municipio della città e proprio al centro della vecchia piazza del mercato, la statua dedicata al soldato romano Silvio Brabone, che secondo la leggenda sconfisse il gigante Antigoon e fondò questo centro che oggi è più bello che mai, le aspettative sono molto elevate, non solo per Anversa, ma anche per Bruges, Gand e Liegi e tutti i piccoli centri che toccheremo in questo nostro mini tour…Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Radjied de la Combe on Pexels.com

A casa di Thomas Mann

Una delle città più belle di germania, Lubecca deve il suo splendore al medioevo, periodo nel quale la città crebbe e divenne uno dei porti più importanti del nord europa. La bellissima porta dell’Holstentor, una costruzione con due splendide torri è la porta per la città vecchia, dove edifici gotici del XII secolo padroneggiano questa parte della città, ci troviamo a nordest di Amburgo proprio sotto la scandinavia. Qui nacque uno dei più grandi scrittori tedeschi del novecento, Thomas Mann, nella splendida cornice della Buddenbrookhaus, si trova una sorta di museo dedicato ai fratelli Mann, che qui sono cresciuti e che ha ispirato il bellissimo romanzo Buddenbrook, con il quale lo scrittore tedesco venne insignito del nobel per la letteratura nel 1929. La germania è spesso sottovalutata, ma è una splendida meta sia per i viaggi on the road, che per qualche weekend nelle sue splendide città, la storia e la bellezza di Lubecca sapranno certamente emozionarvi …Buona  giornata e Buon Viaggio

Buona giornata

Sono anni che non mi reco a Londra, la capitale inglese è tra le mie mete preferite e sotto alcuni punti di vista è la mia città preferita al mondo, moderna, cosmopolita, ma con una storia millenaria. La musica per me da sempre vuol dire England, la scena del rock britannico è da sempre la mia preferita, i grandi della musica, almeno per il sottoscritto, sono di queste parti. Poi però quando vai a Londra fotografi la cabina telefonica, che nonostante tutto rimane un icona. Ricordo ancora la mia prima volta a Londra, quando ancora gli smartphone non erano e soprattutto i cellulari non avevano la diffusione che avrebbero avuto di li a qualche anno, entrai in una di queste accoglienti cabine rosse, ero nella zona di earl courts, mentre parlavo con mia madre, attaccate alla pareti della cabina decine di bigliettini di gentili signorine che offrivano di tutto, lo raccontai a mia madre e ci ridemmo su, prima di uscire presi uno di questi bigliettini, perchè nella vita non si sa mai, a volte abbiamo bisogno di fare un’ultima telefonata…Buon Sabato e Buon Viaggio

020

Me in Goteborg

A questa foto sono legatissimo, la mia prima foto in terra straniera, la conservava la mia mamma tra le sue fotografie. Eravamo a Goteborg in Svezia ed era il 1990, io ero un giovane ragazzo che non sapeva ancora esattamente cosa volesse fare della propria vita, ma forse una cosa l’avevo capita, avrei voluto viaggiare e molto anche. Scoprire nuove culture, incontrare nuova gente non fermarmi alle cose sotto casa è stato da sempre il mio obiettivo, anche quando, come in questo caso ero sconclusionato e senza costanza. Però la salopette e gli occhialini alla John Lennon erano simpatici. Buon Sabato e Buon Viaggio

Signals from the Planet ” Check point Charlie “

Non so se fosse meglio ill mondo della Berlino divisa, di certo il mondo dei due blocchi si guardava con diffidenza, ma evitava spesso escalation pericolose, almeno sino al 1990, anno della guerra in Kuwait. Di certo la Germania e il mondo che uscirono dalla seconda guerra mondiale fu terribile, un mondo devastato con oltre settanta milioni di morti e città semidistrutte in tutta Europa, proprio il vecchio continente rimane il campo sul quale le due superpotenze si sono sempre confrontate, la mia idea è sempre la stessa, come una partita di calcio dovrebbero fare la guerra Russia e Stati Uniti, una volta in territorio americano e una volta in quello russo, oppure nel bellissimo scenario del mar di Bering che vede i due paesi quasi toccarsi. Il cartello in questione si trova in Friedrich strasse a Berlino, dove sino alla caduta del muro, nel 1989 si passava dalla parte occidentale a quella orientale della capitake tedesca (prima di allora era Bonn), oggi ci si va solo per fare le foto ricordo. Buona giornata e Buon Viaggio

download (35)