Una classifica così…

Dopo qualche giorno di pausa sono tornato alle mie cose, leggendo qua e la ho trovato la solita classifica che metteva in fila le venticinque città più belle del mondo. Un campione di centomila persone ha risposto a un quesito che comprendeva cinque preferenze e soprattutto si basava su: Patrimonio storico, pulizia e bellezza dei paesaggi. Come al solito una classifica che fa un po ridere, per esempio Parigi, che quanto a patrimonio storico non è niente di che, viene indicata al primo posto, Roma per esempio è solo quinta, forse perchè Parigi è più pulita ? New York, che io amo è seconda, anche qui se parliamo di patrimonio storico e pulizia dovremmo farci una risata, tra le venticinque per esempio non ci sono le grandi capitali d’oriente, Tokyo, Shanghai, Hong Kong e Singapore, ma c’è Charleston una delle città del sud degli Stati Uniti, che è si molto carina, ma a parer mio ha almeno trenta città più belle alcune delle quali anche in territorio americano. C’è Vienna, per esempio, ma non c’è nemmeno una delle città del Belgio, Anversa, Bruges, Gand sono spettacolari, però troviamo Bergen, la città più famosa dei fiordi norvegesi, ma anche qui vogliamo parlare di trondheim ? Insomma come al solito ognuno dice la sua, però che al livello storico culturale Parigi viene classificata allo stesso livello di Roma, parliamone pure. E voi cosa ne pensate ? buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Pixabay on Pexels.com

Windows on the world

Molti di noi non vedranno mai più questi due ponti da questa prospettiva, quella posizione è stata cancellata per sempre. Proprio in questi giorni c’è stato l’anniversario dell’attacco agli Stati Uniti d’America, ancora oggi e forse per sempre, non conosciamo la verità completa, non sappiamo a parte ciò che abbiamo visto per immagino quello che è veramente accaduto. Indipendetemente da tutto, rimane il fatto che queta vista non ci sarà più e che se anche vi capiterà di trovare un altro ” Windows on the world ” in giro per il mondo, non sarà mai come lo era l’originale, cioè quello che dal 106th piano della torre nord, delle torri gemelle vi regalava questa meravigliosa vista si Manhattan e il New Jersey. Buona giornata e Buon Viaggio

img006

Il cuore di Manhattan

Delle strade numerate della grande mela questa è di certo una delle mie strade preferite forse perchè durante le mie visite a NYC, ho spesso alloggiato da queste parti, forse perchè da est a ovest ci sono tantissime cose da vedere e forse semplicemente perchè è la mia via preferita di Midtown. Dicevamo da est a ovest, si perchè sulla quarantaduesima partendo da est, troviamo la United Nation Plaza, che dalla 42th alla 45th costituisce il quartiere delle nazioni unite, da visitare assolutamente. Venendo verso il west side, troviamo prima il Chrysler Building, uno dei simboli assoluti di New york, poco sotto la grand central terminal, la splendida stazione nel cuore di Manhattan, tutta in stile Art Decò con le sue enormi aquile in acciaio fuori dal grande ingresso. Poi all’incrocio con una delle icone della città, la fifth Avenue, si trova la New york public Library, la biblioteca della città, con i due leoni sulla scalinata che vi danno il benvenuto in questo luogo di cultura, dove sono conservati milioni di testi e di riviste da tutto il mondo, proprio accanto al tranquillo Bryant Park, un piccolo polmone verde all’ombra dei grattacieli, dove il traffico di Manhattan sembra scomparire. Andando avanti, all’incrocio con Broadway, incontriamo nel bel mezzo del Theater District, Times Square, un incredibile mix di colori, suoni, ma anche rumori molesti, quello che io definisco il più grande flea Market al mondo. E per finire dall’altra parte del Hudson river c’è la possibilità di fare crociere sino a Ellis Island e Liberty Island e oltre, vi consiglio di prendere il water taxi per spostarvi nella città sul fiume. Insomma la 42th è il cuore di Manhattan senza ombra di dubbio e vi impegnerà per una giornata intera da alba ad alba ……Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Nextvoyage on Pexels.com

Le città più care del mondo

Leggendo un Articolo di qualche giorno fà, mi sono chiesto come mai, alcune informazioni o classifiche dipendano da chi le scrive. Avevo letto che Milano è una delle città più care del mondo, in termini di prezzo al metro quadro, spesa per ristorannti e per affitti, poi oggi leggo un altro articolo, dal titolo ” Le dieci città più care del mondo”, tra le dieci città citate, Milano non esiste, le dieci città le cito a memoria sono Londra, New York,Hong Kong, Dubai,Singapore,San Francisco,Sidney,Ginevra, Zurigo e Mosca, ovviamente ben prima di questa inutile e devastante guerra, poi per curiosità, come sempre inizio a spulciare articoli similli in rete e scopro tra gli altri un articolo sulle dieci città più care del 2016, un articolo dell’economist, quindi abbastanza attendibile oserei dire, il 60% delle città nominate nell’articolo precedente sono le stesse, ma l’econimist cita per esempio San Francisco al 34° posto alla pari di Roma, mentre Milano sarebbe al 24°,che dire, le fonti sono importanti, ma la confusione regna sovrana …..Sappiate comunque , che si può spendere poco anche nelle città più care, basta lavorarci un pò…Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Scatto d’annata B come Bowling Green

Un bellissimo viaggio quello a New York, uno splendido fine ottobre dell’anno del signore 2000. Qui abbracciato alle corna del grande toro di Wall Street, nel piccolo parco di Bowling green, pensavo a quanto era bello viaggiare, con gli amici, ma anche da soli. Avevo pensato a quel 2000, sin dai piccolo, per un lupacchiotto cresciuto guardando Spazio 1999, il 2000 sembrava veramente il futuro, poi un anno dopo ci fu l’attacco alle torri e il mondo non è stato più lo stesso senza alcun dubbio. Io invece, nonostante tutto ho conservato la voglia di viaggiare di allora e la stessa spensieratezza, anche se un po più preoccupata. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Scatto d’annata M come Love

Quando rinasci ci vuole tempo, bisogna prenderselo tutto, qui siamo in uno dei luoghi a me più cari, la quarantaduesima a Manhattan, quelle strada che collega il palazzo delle nazioni unite a Time Square, una strada che mi ha visto spesso sorridente, ma che in questo caso, nell’estate del 2008, mi ha ritrovato titubante è pieno di pensieri, ma come il vento, libero di volare, anche se sembra che in testa io abbia un pavone 😂Buon pomeriggio e buon viaggio

Amazing New York

Quante volte sono venuto in questa città, giusto qualche volta (1992/1995/2000/2008/2009/2011/2015), spero di venirci almeno altre volte è una delle città che ho visto di più nel mondo, assolutamente una delle mie preferite, la città che molti disprezzano senza conoscere, la città dove tra le storture più grandi e le disparità più assurde si può trovare qualsiasi cosa, la città che non dorme mai, la città che amo, perché anche quando dorme si sveglia presto come me.

  1. High Line : Una passeggiatina su questa via pedonale che era un tratto di ferrovia e che oggi rivive in una passeggiata tra i  grattacieli di Midtown, passando da Chelsea e dal Meatpacking district.
  2. Top of the Rock : all’interno del Rockfeller Center c’è la Rockfeller Tower, dalla quale si gode della migliore vista di New York dall’altro a parer mio non ci sono posti migliori, nemmeno la nuova Freedom Tower, anche se, per chi ha visto NYC dalle Twins Tower, il nuovo grattacielo del WTC regala qualche emozione, la vista dall’Empire State Building non è male, ma è senza l’Empire, quindi …
  3.  Central Park : Passeggiare al suo interno e visitarne ogni angolo è decisamente meraviglioso, anche se bisogna avere molto tempo, perché il polmone verde di Manhattan è molto grande, molti sono gli angoli nascosti e caratteristici, tanti li avete visti nei films, come per esempio la statua di Balto, il cane che salvò i bambini dalla difertite, la cui storia è narrata molto bene in un bellissimo film d’animazione, per chi ha amato invece John Lennon da non perdere, strawberry field, un giardino che commemora il grande musicista inglese assassinato a Nyc, nel 1980. Central Park è splendido in ogni punto e vi farà sentire lontano dal chiasso della città.
  4. Brooklyn Bridge  : Una bella passeggiata, per chi è allenato direttamente dall’Hotel al ponte più famoso del mondo. Anche un bel giro per Brooklyn non è male, una volta er abitato dagli Italiani, oggi è cosmopolita come tutta la città, di italiano sono rimasti alcuni ristoranti  anche nella zona dei Brooklyn heights lungo la riva dell’Hudson, da dove si vede la skyline di NYC in tutta la sua bellezza .
  5. New York Public Library : Una delle cose più belle della città, una biblioteca enorme, milioni di volumi e splendide sale dove poter leggere in tutta tranquillità, siamo sulla Fifth Avenue, all’incrocio con la 42th st, qui a destra si va verso il Chrysler Building e il palazzo delle nazioni uniti, mentre girando a sinistra si arriva in quel teatro pazzesco che è Times Square .
  6. Abyssinian Baptist Church : sulla 138th st, nel cuore di Harlem si trova questa chiesa Battista, dove assistere alla messa cantata della Domenica è una bella cosa, può sembrare la classica americanata  per turisti, ma non lo è, anzi è molto coinvolgente, anche se siete atei .
  7. Roosevelt Tramway : Questa non è propriamente un ‘attrazione, ma se la fate (round trip da 4/8 $ ), vi troverete in volo all’altezza dei grattacieli dell’ Upper East side, la corsa dura quattro minuti e una volta arrivati sull’isola e fatto qualche foto ad una parte della skyline di Manhattan da sotto il Queensboro Bridge potete star certi che la ricorderete con piacere
  8. Il Water Taxi : Un modo per girare Manhattan dall’acqua, dalla 42th si arriva alla statua della libertà, bellissimo al tramonto .

Non perdete la parte di Lower Manhattan, che parte dall’arco di washington square e arriva sino a battery park , attraversando alcuni dei quartieri più famosi e alla moda della grande mela, come il Village, SoHO e Tribeca, dove il grande Bob De Niro è di casa, per non parlare della miriade di proposte culturali, tra musei e teatri. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by David Skyrius on Pexels.com

Una palla, un viaggio Part 3

Una delle prime palle di Natale acquistate in giro per il mondo, questa arriva da New York, i grattacieli e il famosissimo Yellow cab, il taxi giallo più famoso al mondo. A Times Square, subito dopo quell’odioso Gentleman Club, iniziano tutta una serie di negozi e negozietti che vendono ogni sorta di souvenir, dalle tazze ai cappellini, dalle magliette ai puzzle ( altro oggetto di culto in casa Tosto), sino ad arrivare alle Christmas balls. Come dicevo qualche giorno fa, quando poi fai l’albero di Natale è come fare un giro attraverso il mondo, oltre alle luci, si riaccendono i ricordi, sempre meravigliosi, nonostante gli anni. Buona serata e Buon Viaggio

Santa Elizabeth da New York

Vi sembrerà strano, ma a Manhattan tra Pearl e broad street si trova una casa che è anche un santuario, la casa dove visse Elizabeth Ann Bayley, che ancora giovane sposò il ricco William Seton, aon il quale ebbe una numerosa famiglia. La Seton è la prima nativa americana ad essere stata canonizzata, fu prima Papa Giovanni XXIII a beatificarla nel 1963 e poi Paolo IV a farla santa il 14 settembre del 1975. Questo angolo di settecento si trova proprio di fronte a Battery Park ed uno della case più antiche di Manhattan, impossibile non riconoscerla tra i grattacieli della lower manhattan, non lontano dal punto dove è possibile ammirare( da lontano) la Statua della libertà. New York ad ogni angolo saprà stupirvi, con tante storie anche le più impensabili. Buona giornata e Buon Viaggio

Museum Mile, New York

Se vi trovate nella ” Nella grande Mela”(adesso finalmente è di nuovo possibile) come viene anche chiamata New York, sappiate che sulla Fifth Avenue, nel tratto che va dalla 79th e la 106th Street, si concentrano alcuni tra i più importanti musei del mondo in quello che viene definito come “Museum Mile”. Il Metropolitan Musuem of Art, La Neue Galerie e il Salomon Guggenheim Museum, in quello stupefacente edificio a spirale uscito dalla mente di  Frank Lloyd Wright. Opere strabilianti e collezioni vastissime sono un ottimo motivo per visitare questi Musei e passare una bella giornata  in questa area della città.Tutto intorno, la città si muove a volte sorniona, talvolta aggressiva come solo New York è capace di essere. Qui nell’Upper East Side tutto è contrasto, con la ricchezza degli edifici, i negozi della Upper West Side e la confusione che regna ad East Harlem dove le comunità latino americane sono sempre in fermento, al centro la parte settentrionale di Central park con la calma imperturbabile  del Reservoir, dove si rispecchiano le facciate dei condomini circostanti . Buona giornata e Buon Viaggio

download (8)