Murder Story

I nostri viaggi oltre a farci bene sotto tutti i punti di vista, sono spesso esperienze formative, tutto ciò che accade in un viaggio rimane nei nostri cuori e nella nostra memoria, pronti ad uscire al primo granello utile.

Nel Novembre del 2000, trovandoci a New York tra una scarpianta e l’altra decidemmo di andare a vedere una messa Gospel, prenotammo per la messa della domenica successiva all’Abyssinian Baptist Church sulla 138 th. Il mito di Harlem e le sue contraddizioni, come gli Stati Uniti ovunque. come il mondo ovunque.

La Domenica prendiamo la metro e scendiamo sulla 135th, ci facciamo qualche “blocco” sulla  Lennox Avenue e arriviamo a destinazione, ci mettiamo in fila e dopo circa un ora entriamo, prendiamo posto sulla gradinata alla destra del palco, uno spettacolo, vi consiglio vivamente se andate a New York di partecipare ad una messa Gospel, c’è un atmosfera che nelle chiese cristiane non esiste. Dopo circa un ora di canti e battesimi nella vasca della chiesa, usciamo e mentre ci avviamo verso la metropolitana, troviamo una scena che all’inizio ci sembra un film. Una strada bloccata e delimitata dal nastro giallo della polizia di New York, un omicidio probabilmente, una vecchietta, che sembra la mamma di Willy il principe di Bel Air (se lo avete visto sapete di cosa parlo), un mia amico che le si avvicina ed in perfetto Italiano  le chiede cosa è successo e la signora in perfetto Inglese che racconta ciò che ha visto o ciò che le è sembrato di vedere. Se non ci fosse stato di mezzo un morto ci sarebbe stato da ridere. Certe esperienze non sono obbligatorie, ma questa è la vita, questo è il nostro mondo. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Quintin Gellar on Pexels.com

Scatto d’annata L come Lower Manhattan

La più recente delle foto della grande mela è esattamente di sette anni fa, sette come le volte che sono stato a New York. la zona di Lower Manhattan, vista dalla sponda di Brooklyn è la Skyline, lo era con le torri gemelle, lo è ancora adesso. Questa negli anni è divenuta la più bella delle zone di Manhattan, lower inizia appena sopra Canal street, appena a nord di Tribeca e poco più a sud di SOHO, qui ci sono i ristoranti più alla moda e i locali più cool, Chinatown e Little Italy, il financial district e il Dow Jones a Wall Street, il Bowling green e la Trinity Church, insomma qui batte il cuore della grande mela, ma lo avrei detto di tutte le altre zone di New York. Buona serata e Buon Viaggio

dsc_0212.jpg

Scatto d’annata s come skyline

Una delle città più affascinanti del mondo è ovviamente New York, la grande mela è senza ombra di dubbio unica nel suo genere, non potrà certamente competere con le grandi capitali europee per monumenti e storia, ma New York è affascinante, come una signora sopra i cinquant’anni. Questo mio scatto del dicembre del 2009, ci regala una vista sui grattacieli di Columbus circle e della parte a nord di Times Square. <vi ho già detto che mi manca un viaggetto da quelle parti ? Si si, ne avevo già parlato qualche giorno fa, la nostalgia a volte mi coglie d’improvviso e non sento la mancanza solamente degli esseri umani e non, ma anche di qualche luogo nel mondo dove ho ricordi meravigliosi. Buona serata e Buon Viaggio

Scatto d’annata W come West Side story

Sono Passati esattamente sette anni da questo scatto, era la fine di settembre del 2015, l’ultimo viaggio a New York, un viaggio molto particolare. Stavo pensando che non sono mai passati così tanti anni tra un viaggio e l’altro nella grande mela, devo dire che il richiamo rimane fortissimo, nonostante gli anni. In realtà tra il 2000 e il 2008 erano passati esattamente otto anni tra il mio terzo e il mio quarto tra i grattacieli di Manhattan, ma considerando le nostre prossime mete credo che New York ci mancherà ancora per qualche anno. In Questo scatto sul west side, si intravede la sagoma del Madison square garden visto al tramonto dall’Empire state building. Buona giornata e Buon Viaggio

Stati Uniti ago 2008 516

Intervallo ( fifth & Broadway) NYC

Windows on the world

Molti di noi non vedranno mai più questi due ponti da questa prospettiva, quella posizione è stata cancellata per sempre. Proprio in questi giorni c’è stato l’anniversario dell’attacco agli Stati Uniti d’America, ancora oggi e forse per sempre, non conosciamo la verità completa, non sappiamo a parte ciò che abbiamo visto per immagino quello che è veramente accaduto. Indipendetemente da tutto, rimane il fatto che queta vista non ci sarà più e che se anche vi capiterà di trovare un altro ” Windows on the world ” in giro per il mondo, non sarà mai come lo era l’originale, cioè quello che dal 106th piano della torre nord, delle torri gemelle vi regalava questa meravigliosa vista si Manhattan e il New Jersey. Buona giornata e Buon Viaggio

img006

Il cuore di Manhattan

Delle strade numerate della grande mela questa è di certo una delle mie strade preferite forse perchè durante le mie visite a NYC, ho spesso alloggiato da queste parti, forse perchè da est a ovest ci sono tantissime cose da vedere e forse semplicemente perchè è la mia via preferita di Midtown. Dicevamo da est a ovest, si perchè sulla quarantaduesima partendo da est, troviamo la United Nation Plaza, che dalla 42th alla 45th costituisce il quartiere delle nazioni unite, da visitare assolutamente. Venendo verso il west side, troviamo prima il Chrysler Building, uno dei simboli assoluti di New york, poco sotto la grand central terminal, la splendida stazione nel cuore di Manhattan, tutta in stile Art Decò con le sue enormi aquile in acciaio fuori dal grande ingresso. Poi all’incrocio con una delle icone della città, la fifth Avenue, si trova la New york public Library, la biblioteca della città, con i due leoni sulla scalinata che vi danno il benvenuto in questo luogo di cultura, dove sono conservati milioni di testi e di riviste da tutto il mondo, proprio accanto al tranquillo Bryant Park, un piccolo polmone verde all’ombra dei grattacieli, dove il traffico di Manhattan sembra scomparire. Andando avanti, all’incrocio con Broadway, incontriamo nel bel mezzo del Theater District, Times Square, un incredibile mix di colori, suoni, ma anche rumori molesti, quello che io definisco il più grande flea Market al mondo. E per finire dall’altra parte del Hudson river c’è la possibilità di fare crociere sino a Ellis Island e Liberty Island e oltre, vi consiglio di prendere il water taxi per spostarvi nella città sul fiume. Insomma la 42th è il cuore di Manhattan senza ombra di dubbio e vi impegnerà per una giornata intera da alba ad alba ……Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Nextvoyage on Pexels.com

Wolf @ Square Garden

Mentre questa notte i Golden State Warriors vincevano in casa gara 5 delle finali Nba contro Boston, portandosi sul 3 a 2 ad una sola lunghezza dalla vittoria finale, io andavo a correre e tornando mi sono imbattuto in questa foto del 2008. L’unica partita di Basket Nba della mia vita( per il momento), un match tra i New York Knicks e i New Jersey Nets, quando non erano ancora a Brooklyn. Una partita non di cartello, ma ache mi ha permesso di godere comunque di uno spettacolo unico e soprattutto ci ha permesso di vedere giocare dal vivo, sul parquet del Madison Square Garden di New York il nostro Danilo Gallinari. Una bella esperienza, non proprio low cost, ma che vale la pena vivere. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Scatto d’annata B come Bowling Green

Un bellissimo viaggio quello a New York, uno splendido fine ottobre dell’anno del signore 2000. Qui abbracciato alle corna del grande toro di Wall Street, nel piccolo parco di Bowling green, pensavo a quanto era bello viaggiare, con gli amici, ma anche da soli. Avevo pensato a quel 2000, sin dai piccolo, per un lupacchiotto cresciuto guardando Spazio 1999, il 2000 sembrava veramente il futuro, poi un anno dopo ci fu l’attacco alle torri e il mondo non è stato più lo stesso senza alcun dubbio. Io invece, nonostante tutto ho conservato la voglia di viaggiare di allora e la stessa spensieratezza, anche se un po più preoccupata. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Scatto d’annata M come Love

Quando rinasci ci vuole tempo, bisogna prenderselo tutto, qui siamo in uno dei luoghi a me più cari, la quarantaduesima a Manhattan, quelle strada che collega il palazzo delle nazioni unite a Time Square, una strada che mi ha visto spesso sorridente, ma che in questo caso, nell’estate del 2008, mi ha ritrovato titubante è pieno di pensieri, ma come il vento, libero di volare, anche se sembra che in testa io abbia un pavone 😂Buon pomeriggio e buon viaggio