Quattro passi a Chamois

Qui ci si arriva solo con la funivia, almeno così dicono gli abitanti della zona, tra camosci e stambecchi, si arriva in questo piccolo comune italiano, con una bella salita ripida è un bel salto finale, poi volendo si può prendere la seggiovia per arrivare ancora più su, dove l’azzurro è più azzurro, le montagne della Valle D’Aosta sono sempre un toccasana per la mente e lo spirito e poi ad agosto puoi permetterti felpa e k-way….spettacolo. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Chamois , il paese senza macchine

Un piccolo borgo a 1815 metri s.l.m , ci si arriva con una bella e ripida funivia da Buisson , costo di 6,5 euro andata e ritorno per adulti , i bambini sino ad una certa età non pagano . Questo borgo ha una particolarità , non ha macchine che girano , , grazie ad una scelta del suo centinaio di abitanti , risulta essere l’unico comune italiano Car free , anche se poi qualcuna parcheggiata nelle case sparse qua e là tra i declivi della montagna le abbiamo viste . Molto famoso anche per le sue bellissime passeggiate , dal cuore del piccolo centro infatti , partono molti sentieri che vi porteranno anche oltre i tremila , noi abbiamo scelto il Col de Nannaz 2773 metri , una pace e un silenzio interrotti soltanto dai richiami delle marmotte . Con le seggiovie invece si può arrivare alla cresta e da qui vedere il Cervino in tutto il suo splendore , insomma , l’ennesima perla di questa regione , Buona giornata e Buon Viaggio