Archive for ‘Travel with The Wolf’

Leave me Here

Ho deciso , domani mattina mi sveglierò qui , in una di questa splendide dimore a ridosso della splendida spiaggia di Cannon Beach sull’altrettanta meravigliosa costa dell’Oregon . Se fossi certo che fosse così andrei a letto in questo momento , magari stanotte sognerò proprio di svegliarmi qui , d’altronde spesso sognamo quello che è stato l’ultimo argomento della nostra giornata . Le Foto poi sono come la musica , alcune ritraggono luoghi , ma portano alla memoria nomi e situazioni , che meraviglia . Buona giornata e Buon Viaggio

dsc_0357.jpg

Books For Travelers ” L’ultimo giorno di un condannato a Morte ” V.Hugo

Sono alle prese con un classico della letteratura , un titolo che forse in questo periodo potrebbe essere sconsigliato , ma io ormai sono dentro la storia , che è stata la storia di moltissimi , che è ancora purtroppo la storia di tanti in tutte le parti del pianeta , questa storia , questo scritto contro la pena capitale , visto e raccontato in prima persona dal condannato è molto commovente , ma già allora , siamo negli anni trenta dell’ottocento era motivo di forte discussione , come sia possibile che dopo quasi due secoli , in alcuni paesi ci sia ancora questa pena non riesco a capirlo , per i cattolici praticanti e per tutti i farneticanti della religione , parafrasando Hugo , ” la vendetta è dell’individuo , la punizione è di Dio , la società sta nel mezzo ” ……Buona serata e Buon Viaggio

Una foto un viaggio , Shot 10

Era il Novembre del 1999 , un viaggio lunghissimo , quasi venti giorni on the Road negli States , poi con un un altro volo abbastanza lungo , da Los Angeles atterriamo a Papeete , sull’isola di Tahiti , un sogno che diventa realtà , il tempo di ritirare i bagagli e un piccolo aereo ci porta su quel paradiso che è l’isola di Moorea , per una bella vacanza rilassante al sole dei mari de sud . Ricordo ancora quanti pesci colorati nella laguna, nonostante la barriera aveva già perso tutti i colori , le razze , gli squali , insomma una meraviglia …..Buona serata e Buon Viaggio

Scatto d’annata S come Sea Lion

Sono sempre stato un amante degli animali , sin da piccolissimo , dopo aver visto gli animali nelle gabbie dello Zoo di Milano , ho avuto la fortuna di vedere moltissimi animali vivere liberi in natura , tutta un’altra cosa ovviamente , quindi appena ho la possibilità di fotografare qualche essere vivente che non sia un bipede , faccio di tutto o quasi . Qui siamo ad Astoria , nel settembre del 2018 , esattamente al confine tra gli Stati di Washington e Oregon , nello spettacolare scenario della parte nord Ovest degli Stati Uniti , questa colonia stanziale di leoni marini , vive non molto lontano dal Melger Bridge , dove le acque del Columbia River si riversano nel pacifico , in un ambiente sensazionale . Astoria è un piccolo centro , che insieme alla vicinissima Seaside rendono questa zona del nord dell’Oregon semplicemente fantastica ……Buona giornata e Buon Viaggio

World Famous Streets ” Mariahilfer Strasse ” Vienna

Una delle città più incantevoli in questo periodo che ci avvicina al natale è senza dubbio Vienna . Di Vienna ho ricordi incredibili , ma questa è un’altra storia , di certo ricordo il bellissimo centro storico ,dove si trova la splendida Mariahilfer Strasse , la via dello shopping della capitale Austriaca , negozi di tutti i tipi e super affollata il weekend , i prezzi sono in linea con le altre capitali Europee , quindi molto cari a meno che non siete soliti fare shopping nel quadrilatero della moda a Milano , allora i prezzi potrebbero anche sembrarvi “cheaper” , Buona serata e Buon Viaggio

Music For Travelers “The Scientist” Coldplay

Splendido pezzo di inizio 2000 di uno dei gruppi di maggior successo della musica pop rock di questo ultimo periodo , il primo singolo dei Coldplay , estratto dal primo album in studio della band britannica , Parachutes , quello che diede loro il successo planetario . Chris Martin , un frontman poliedrico e bravissimo , ma anche i suoi compagni non sono male , per niente ….Buona notte e Buon Viaggio

Lost the way

Spesso quando ti perdi durante un viaggio vedi le cose migliori , spesso se ti perdi in un viaggio , la sensazione quando ti ritrovi è mostruosamente bella , ma quando ti perdi in un viaggio e vai incontro ai tuoi peggiori incubi , allora forse non è così meraviglioso . Così mentre percorriamo la Route 66 in direzione Los Angeles , il mio bel navigatore (nel 1998 non esisteva la tecnologia) , decide di distrarsi, così , perdiamo la strada e ci ritroviamo in una prateria sconfinata in Arizona , mentre cerchiamo di barcamenarci sulla cartina , inizia un temporale violento, all’aperto i temporali nel deserto possono essere devastanti e per uno come me che ha la fobia dei fulmini(tra le altre) non è stata una passeggiata , abbiamo fatto almeno un paio di ore a zigzag su questa lunghissima strada che ci ha portato alla fine a Sedona , alla guida c’era il sottoscritto , ricordo ancora lo slalom tra i fulmini , come un gigante di Tomba , peccato che le saette probabilmente cadevano a decine di chilometri da noi , nonostante la macchina , durante un temporale sia uno dei luoghi più sicuri , che ci volete fare , alle fobie non si comanda , spesso sono loro a comandare noi . Buon Pomeriggio e Buon Viaggio

Le Strade più belle Del Nord America Part 8 (Blue Ridge Parkway)

Se non è la più bella è certamente tra le prime tre , la Blue Ridge Parkway , che con i suoi settecentocinquanta chilometri unisce due tra i bei parchi del Nord America , lo Shenandoah National Park , nello stato della Virginia e il Great Smoky Mountains National Park in North Carolina , tra le altre cose il parco più visitato dell’intero panorama Nordamericano . Da Via Crucis è un susseguirsi di campagne , grandi  foreste di pini , orsi e cervi , questa è anche una delle più belle strade da fare durante il Foliage autunnale, specialmente il tratto della sontuosa Skyline Drive , il tratto di strada più prossimo al Shenandoah NP , la Skyline Drive con i suoi numerosissimi punti di osservazione , offre un vero e proprio caleidoscopio di colori che ha nel foliage autunnale il suo punto di massima espressione , qui tra orsi , cervi e altro è possibile anche avvistare non di rado la bellissima Lince Rossa. La possibilità di dormire in luoghi leggendari , fattorie , ranch e altro fanno della Blue Ridge Parkway un itinerario assai interessante , la presenza poi dei due parchi nazionali e tante altre attrattivi lungo la strada la rendono perfetta meta , per un viaggio di una decina di giorni , da fare tra andata e ritorno . Nello Smoky  ci hanno abitano da sempre i Cherokee , e ancora oggi i discendenti delle antiche tribù vivono ancora ad una quarantina di chilometri dal parco , non perdetevi il Trail of the Tears , letteralmente il sentiero delle lacrime , un luogo sacro per le tribù . Insomma non è certo lunga come la 66 , ma questa strada merita assolutamente un viaggio , i panorami e la fauna vi ripagheranno alla grande , una strada meravigliosa , in uno dei luoghi più belli del continente americano , capite adesso perchè voglio andarci ? ….Buona Giornata e Buon Viaggio

Books For Travelers “ Il silenzio di Marta “ P.Pioletti

Stasera iniziò a leggere questo libro con illustrazioni e tanta fantasia scritto da Paola , ho sbirciato al suo interno e ho trovato alcune illustrazioni molto belle , che sono il marchio di Paola , fateci un bel regalo di Natale ….Buona serata e Buon Viaggio

Una foto un viaggio , Shot 9

Il 1998 è l’anno del grande caldo , ovunque nel mondo le temperature sembrano impazzite , anche nella nostra vecchia Europa le temperature arrivano a sfiorare i quaranta gradi centigradi , ma è nel bel mezzo del Texas , che le temperature arrivano a superare i quarantacinque gradi , una situazione che drammatica che causerà danni notevoli a cose e persone . In questa bella atmosfera atterriavo a Chicago , in una fresca serata di agosto e qui troviamo la prima sorpresa . Per la prima volta non avevamo prenotato l’auto tramite Alamo , con la quale ci siamo trovati sempre bene per i nostri noleggi in Usa , ma avevo delegato la prenotazione al mio socio di viaggio . Arriviamo al noleggio scopriamo una parola a noi sconosciuta sino a quel momento : Drop off . Il termine (significa lasciare) che definisce il ritiro in una città e la riconsegna in un altra che non sia nello stesso stato , dato che noi ci apprestavamo a percorrere tutta la Route 66 sino a Los Angeles e visto che era ormai tarda sera e nonostante la nostra prenotazione (già pagata) , la compagnia ci ha chiesto 3800 USD , uno sproposito anche per quei tempi . Non ritirammo la nostra auto , andammo alla Alamo , che nonostante tutto ci fece un prezzo quasi stracciato ( 2500 USD) , tenendo conto delle condizioni di noleggio e del fatto che non avessimo alcuna prenotazione , se pensate che oggi un drop off , al massimo vi può costare 500/600 dollari , capite bene il danno . A parte questo inconveniente e altri piccoli capitati lungo le migliaia di chilometri percorsi , la Route 66 è stato un viaggio emozionante , anche se da Springfield nel Missouri a Amarillio in Texas abbiamo visto solo lunghe distese di grano e praterie sconfinate . Un viaggio incredibilmente faticoso , uno dei più bollenti della mia vita, a quasi dimenticavo , il dollaro era quasi a 1800 lire ……Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Artblog

Scrivi la vita con saggezza

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Pacoinviaggio

viaggiare in tutti i sensi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: