Tra Utah e Arizona

Nella zona sud orientale dello stato dei mormoni lo Utah, al confine con l’Arizona si trova una vasta area piena di deserti e di pueblo ancestrali, qui vissero gli indiani Anasazi, gli antichi in lingua Navajo. Qui in mezzo alla Valley of the gods, si trovano alcuni villaggi rupestri imperdibili, magari organizzate un’escursione con le guide locali che sono le uniche che vi possono portare nelle zone remote di quest’area, visitare tutta questa zona è sempre un piacere, i Navajo sono le uniche guide ammesse nella Navajo Nation, alcuni dei parchi sono interamente gestiti dalla popolazione natia e qui vige anche un differente fuso orario. Natural bridges è uno dei luoghi più fotografati da queste parti, si trova nella zona del Lake Powell in Arizona, poi ci sono le rovine del Mule Canyon che contano una decina di abitanti e Wash Ruins, un piccolo villaggio rupestre abitato fino al 1300 dagli Anasazi della zona di Kayenta, piccolo centro alle porte della Monument Valley. Il rosso da queste parti è certamente il colore predominante. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Clu00e9ment Proust on Pexels.com

Prescott Arizona

Se volete godere di paesaggi incontaminati, valli e foreste ricche vegetazione e fauna, allora la US 89 nord che passa da Prescott e arriva fino al Grand Canyon allora fa al caso vostro. L’area intorno a Prescott in Arizona è ricoperta di foreste e laghi, con splendide pinete e una piccola strada la Mile High trail che si snoda tra grandi massi di granito e rocce rosse tipiche di queste zone degli States. Se poi volete fare una scappata a visitare uno delle cose più belle del mondo, il Grand Canyon, allora percorrete la 89 sino al piccolo centro di Williams, tra i suoi Saloons vi sembrerà di essere ancora nel selvaggio West, da li percorrete la 64 north per arrivare sino a Yaki Point e da li in poi godere di uno dei panorami più belli del nord america. Buona giornata e Buon Viaggio

Photo by Connor Gibson on Pexels.com

Intervallo ( Antelope Canyon) Arizona

Intervallo (Antelope Canyon ) Page Arizona

Scatto d’annata M come Mother Road

Sono cresciuto con il mito della route 66, quella strada che taglia in due gli Stati Uniti da Chicago sino al pier di Santa Monica a Los Angeles. Nel 1998 abbiamo deciso di percorrerla tutta e quindi siamo arrivati a Chicago in una caldissima estate (anche se nella città sul lago Michigan faceva piuttosto freschino), una di quelle indimenticabili non tanto per gli eventi, ma per le altissime temperature un po come accade ormai da qualche anno. La route 66 è indiscutibilmente un mito, un po come lo è Nordkapp nel continente europeo, noi abbiamo percorso i quasi quattromila chilometri in poco più di dodici giorni, fermandoci, nelle cittadine che sono diventate anche loro mito, alcune presentano musei sulla mother road, altre sono poco più di città fantasma. Flagstaff, invece ha una bellissima università ed è una città famosa per essere la porta del Grand Canyon. Insomma nonostante lo stato di abbandono di molti tratti di questa lunga strada americana, il mito non si è ancora del tutto spento. Buon pomeriggio e Buon Viaggio

ba729-download2b2528192529

Memories

Si vede dalla faccia che ero felice in questa foto, si vede e ve lo posso confermare, l’uscita da uno dei periodi più neri della mia vita, proprio nel personale e nel mio io più profondo. Ero felice come non mi capitava da molto tempo e guarda caso ero proprio al Grand Canyon… Buon pomeriggio e Buon Viaggio

Non amo il caldo

Spesso mi chiedo come mai, io che non amo il caldo, amo però il caldo di certi luoghi nel mondo e pur non avendo risposte esaustive ogni tanto me lo chiedo, non so perché, però il caldo oppressivo dello Utah mi sembra parecchio diverso da quello di casa, saranno le zanzare allora ????

Cielo terso nello splendido scenario della Monument Valley, Kayenta Arizona. Siamo al confine con lo Utah, qui gli scenari da film si susseguono per centinaia di chilometri, questo è uno degli scatti più “scattati” dei parchi dell’ovest americano, un’istantanea che ci sta bene con questa giornata o no ? Buona giornata e Buon Viaggio

DSCF1234

Scatto d’annata D come Dead horse point

Un bel ricordo di questo che considero uno dei parchi più sottovalutati del panorama Nord Americano, siamo nello Utah meridionale a una trentina di chilometri dalla splendida cittadina di Moab. Questo che vedete dietro le spalle dell’attore nella foto (😂😂😂😂) è Dead Horse Point, la spettacolare ansa del Colorado, nello splendido scenario di Canyonlands National Park. Un parco che offre moltissimi scorci meravigliosi e che tra quelli rocciosi, a parer mio è quasi al livello del Bryce, tra l’altro la vicinanza con un altro grande parco, quello di Arches lo rende una meta imperdibile, anche perché la maggior parte dei viaggiatori si dirigono proprio verso Arches rendendo questo luogo un posto meraviglios anche per fare lunghe passeggiate in tranquillità tra i canyon. L’attore non lo troverete, almeno per i prossimi anni, perché impegnato sul set di un grande film …..Il caldo fa male, Buona Giornata e Buon Viaggio

DSC_0172

Indian Sacred land

La prima volta che venni in questi luoghi era il 1997, precisamente alla fine del mese 7 del calendario. Ci sono luoghi che ci entrano nell’anima, ci sono luoghi che ogni volta è la prima volta. La Monument Valley, mi ha regalato spesso belle avventure, come quella volta nel settembre del 2008. Non riuscimmo a trovare nemmeno una camera vuota nei tre Hotels di Kayenta e decidemmo di dormire in macchina, fuori nel parcheggio dell Holiday Inn, proprio di fronte al ristorante dove avevamo cenato. Notte insonne o quasi, anche perchè il caldo a volte diventa insopportabile, ma splendida alba, con le ombre rosse di John Ford. Qui in questo scatto invece, siamo nel settembre del 2010, l’ultima volta che ho visitato questa splendida area del nord dell’Arizona al confine con lo stato dei mormoni, lo Utah. Amo questi luoghi, li amo per il territorio e per la loro natura, una meraviglia …Buona giornata e Buon Viaggio

DSCF1233

Unforgettable

Non so voi, ma nei miei viaggi o meglio in alcuni di questi, ci sono stati anche dei fatti delittuosi o degli incidenti gravissimi, come quello del Settembre del 2012, quando percorrendo la Us 89 in direzione di Page Arizona, qualche chilometro prima di Big Water ci trovammo davanti ad un agente che aveva fermato il traffico. Un gravissimo incidente che aveva coinvolto un grande camion e tre autovetture, purtroppo il bilancio fu gravissimo, tre morti e quattro feriti, i feriti tutti appartenenti ad una famiglia tedesca in vacanza. Per estrarre alcuni corpi sono dovuti intervenire i pompieri che furono costretti a tagliare le lamiere. Pare che il conducente del camion, abbia azzardato un sorpasso causando una terribile carambola. Per noi, a parte lo strazio di vedere quelle scene, anche quello di rimanere impotenti davanti a quanto accaduto. Uno dei ricordi più nitidi però sono stato le parole di alcuni turisti italiani, che dal fondo della lunga fila delle auto ferme, venne a curiosare, io offrii da fumare ad un ragazzo che aveva perso nell’incidente il padre e non ho capito se la sorella o la fidanzata, le sue urla e il suo dolore non potrò mai dimenticarle. Arrivammo in serata a Page dove avevamo prenotato due escursioni, al Lake Powell e all’Antelope Canyon, eravamo piuttosto sconvolti e a distanza di anni se ci ripenso mi vengono i brividi. Due posti spettacolari legati ad un evento tragico….Buona giornata e Buon Viaggio